Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roberto Burioni, la lezione di Vo' Euganeo: "Coronavirus, gli asintomatici sono il cuore del problema. Ma gli spot dicevano altro"

  • a
  • a
  • a

A Radio3 Scienza è stato analizzato il caso di Vo’ Euganeo, uno dei primi focolai italiani. In diretta il virologo Andrea Crisanti ha spiegato che i dati forniti dallo studio effettuati su tutti gli abitanti del comune veneto mettono in evidenza un’informazione: “Con tamponi a tappeto su tutti gli abitanti il 3% della popolazione (89 persone) è risultata positiva. Il 75% di loro erano asintomatici. La carica virale degli asintomatici è bassa? La risposta è no”. Roberto Burioni ha ripreso l’intervento del collega e lo ha commentato a modo suo: “Vi ricordate a gennaio gli spot che dicevano ‘gli asintomatici non contagiano’? Questo è il cuore del problema: gli infetti che stanno bene”.

A riguardo il noto virologo marchigiano ha anche scritto sul suo sito Medical Facts, sostenendo l’inutilità in questo momento di fare il tampone agli asintomatici: “Considerando la diffusione del coronavirus e la frequenza delle infezioni asintomatiche, è corretto assumere che ogni singola persona possa essere infetta. Fare il tampone, dunque, in questo momento non servirebbe a fermare l’epidemia, che può essere arrestata solo dal nostro restare a casa”. Secondo Burioni i tamponi dovrebbero essere utilizzati per i guariti perché “solo quando saranno risultati negativi potranno uscire dall’isolamento in tutta sicurezza”. 

Dai blog