Cerca

Il bombardamento

Giorgio Napolitano, la class action contro il presidente emerito: oltre mille denunce in un giorno

20 Ottobre 2017

13
Giorgio Napolitano

Denuncia di massa (class action), contro Giorgio Napolitano, per «usurpazione di potere politico». Il nome dell' ex presidente della Repubblica compare al centro degli esposti già presentati alle Procure di Roma e Cassino (e progressivamente nelle altre Procure), contro i «governi tecnici abusivi che provocano sfiducia verso la politica».

Ben 1.080 tra imprenditori, pensionati, dipendenti pubblici e semplici cittadini hanno sottoscritto l' esposto (tramite Marco Mori), per chiedere di valutare l' eventuale usurpazione - secondo quanto prevede l' articolo 287 del Codice di procedura penale - e di valutare l' eventuale «Intelligenza con lo straniero a scopo di guerra contro lo Stato italiano» (articolo 243 Cpp).

Nel mirino finiscono anche , oltre all' ex inquilino del Quirinale, gli ultimi quattro presidenti del Consiglio: dall' attuale premier Paolo Gentiloni ai predecessori Matteo Renzi, Enrico Letta e Mario Monti, dai vari parlamentari che li hanno sostenuti. L' iniziativa giudiziaria è stata annunciata - in una conferenza stampa - dall' imprenditore frusinate Niki Dragonetti.

L'imprenditore del basso Lazio si dice stanco come cittadino di subire «dalla classe politica denigrazioni e vessazioni», e nel recente passato Dragonetti aveva infatti denunciato anche il presidente della Camera Laura Boldrini (per «attentato alla Costituzione», denuncia archiviata per infondatezza).

Questa volta se la prende con Napolitano perché è convinto che «la nomina degli ultimi presidenti del Consiglio, imposta dagli stranieri, abbia segnato la fine dell' Italia quale nazione sovrana e indipendente». E che la nostra sovranità abbia ceduto il passo «al regime violento dell' Europa dei mercati e della finanza».

In sintesi, l' Italia avrebbe «perso radicalmente la sua indipendenza», un «fatto inaccettabile» perché «governo e Parlamento continuano a non muovere un dito per riscattare la sovranità e riconsegnarla al popolo». La parola passa ora alla magistratura cui spetta verificare se la questione abbia o no una sua rilevanza penale. «In questi anni», ha detto Dragonetti, «ci hanno vietato di votare. Non possiamo sempre subire. I cittadini vogliono tornare a essere una componente essenziale per la scelta del governo italiano e non una parte passiva e senza diritto alcuno. In uno Stato democratico la sovranità appartiene al popolo e non può essere ceduta a terzi».

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lino Formics

    20 Ottobre 2017 - 18:06

    .....ormai la follia in questo povero paese è giunta agli estremi..

    Report

    Rispondi

    • gescon

      20 Ottobre 2017 - 21:09

      quanto prima fuori definitivamente dai coglioni

      Report

      Rispondi

  • ancoraantonio

    20 Ottobre 2017 - 17:05

    stiamo scoprendo l'acqua calda.Il vecchio bolscevico che applaudiva l'intervento in Ungheria dei carri russi,in occasione del suo primo viaggio negli Usa (anni 70) fu cooptato nella superloggia massonica Three Eyes,fatto da lui mai smentito,e da quel momento si pose als ervizio di oscuri interessi atlantisti,fino a sponsorizzare laguerra in Libia.Indubbiamente vendutosi a interessi antinazionali.

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    20 Ottobre 2017 - 17:05

    Qualcuno ha tradito l'Italia, l'URSS e anche se stesso..Fate un nome a caso..!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media