Cerca

Indiscreto

Sergio Mattarella, la strategia del terrore: il bluff del Quirinale che ha terrorizzato i politici

10 Maggio 2018

3
Sergio Mattarella

In due mesi non hanno combinato nulla. In due giorni quasi quasi chiudono la pratica del governo. I politici sono proprio delle bestie strane. Basta minacciarli di portarli al macello, ovvero sciogliere il Parlamento, e in poco tempo riescono a mettere in piedi un esecutivo, non importa il programma o la prospettiva, purché si eviti di richiedere la fiducia degli italiani.

E stavolta bisogna dire che il merito di questa “svolta” è del presidente Sergio Mattarella, accusato ingiustamente di aver perso tempo. Il capo dello Stato ha lasciato baloccare i ragazzi, poi a un certo momento l’arbitro ha detto: vi tolgo il pallone e non giocate più. Sapete cosa significa rimandare a casa 945 parlamentari? Una bestemmia. Per loro.

A parole grillini e leghisti avrebbero voluto votare addirittura il 22 luglio, in realtà sapevano che sarebbe stato un boomerang. Primo: la gente in piena estate pensa a rinfrescarsi, non al Rosatellum. Secondo: chi entra papa, cioè quelli che si sentono sicuri di essere rieletti, di solito esce cardinale, ovvero rischia di rimanere a casa. Terzo: senza modificare la legge elettorale, M5S e Carroccio, ma anche Fi, Pd o FdI, avrebbero recitato la stessa commedia (o tragedia) che ha ammorbato i cittadini negli ultimi due mesi. Nessun schieramento avrebbe vinto. E gli elettori dei principali partiti avrebbero rincorso i loro (ex) beniamini, capaci di parlare ma non di fare.

E allora? E allora meglio fare subito un governo. Poi si vedrà. Mattarella sapeva che sarebbe finita così anche se il premier «neutro» è sempre pronto...

di Giuliano Zulin

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • swiller

    11 Maggio 2018 - 07:07

    Signor Mattarella lei non si può permettere di contestare come fa in modo vergognoso le scelte del popolo italiano solo i dittatori lo fanno se gli italiani hanno espresso giustamente dei dubbi sull' L'Europa visti i risultati é un loro diritto contestare e fare le loro minacciare...si vergogni

    Report

    Rispondi

  • cangurino

    11 Maggio 2018 - 04:04

    mi sembra una ricostruzione assai ardita. A mattarella il governo non allineato e non filo europeo 5* Lega non va nel modo più assoluto, lo ha anche dichiarato, parlando di sovranismo e populismo. Ha sperato fino all'ultimo di poter piazzare l'ennesimo governo tecnico alla Monti per spremere ancora gli italiani e rendere le nostre aziende ancor meno competitive.

    Report

    Rispondi

  • maltesino

    10 Maggio 2018 - 23:11

    Non condivido per niente, la mossa delle elezioni a luglio è stata concordata da Salvini e di Maio, ben sapendo che per fi voleva dire il dimezzamento dei parlamentari e altra batista per il pd. Se mattarella fosse stato rispettoso del voto popolare e della costituzione avrebbe dovuto incaricare il cdx alla formazione del governo

    Report

    Rispondi

media