Cerca

La svolta

Giuseppe Conte, il premier ora cambia tutto: "Se il governo vuole durare deve portare risultati"

11 Agosto 2018

2
Giuseppe Conte, il premier ora cambia tutto: "Se il governo vuole durare deve portare risultati"

Dopo mesi passati all'ombra ingombrante di Matteo Salvini e Luigi Di Maio, il premier Giuseppe Conte ha deciso di interrompere il silenzio mediatico, così profondo in certi giorni da farlo quasi dimenticare nella sua "prigione dorata di Palazzo Chigi". Alla fine il suo portavoce, Rocco Casalino, deve aver convinto l'avvocato del popolo a farsi sentire, almeno per dare un segnale di vita.

Conte si prepara alla sua prima diretta su Facebook, finora evitata e preferita a un profilo più defilato, tutto concentrato sul lavoro e sullo studio dei dossier. Mentre fuori dal palazzo si sta scatenando una vera e propria tempesta finanziaria, un intervento del presidente del Consiglio appare quanto mai necessario, almeno per dare un segnale di rassicurazione, per esempio, sulla durata del governo.

Conte, riporta il Corriere della sera, sembra avere un "prudente ottimismo". Proprio quando gli capita un ministro preoccupato per "il dualismo al vertice dell'esecutivo", il premier prova a mettere una buona parola: "Anche i due leader politici vogliono lasciare un segno... Salvini e Di Maio sono ambiziosi quanto me e sanno che, per durare, dobbiamo portare a casa dei risultati".

Di voci negli ultimi giorni non sono mancate però per far preoccupare gli italiani, a cominciare dall'incertezza sulla prossima legge di Bilancio e sul bonus di 80 euro che traballa. Sul tema il premier si sarebbe infastidito: "Ma chi lo ha detto? Noi agli italiani vogliamo dare, non togliere!". Sarà, ma le risorse scarseggiano e qualche scelta prima o poi andrà fatta.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    11 Agosto 2018 - 15:03

    Discorsi a vuoto e promesse che non potranno essere mantenute.

    Report

    Rispondi

  • pttfabrizio@gmail.com

    pttfabrizio

    11 Agosto 2018 - 09:09

    taglia gli enti inutili, che è tempo e ora di farlo, sono solo 5-600, questi sì sono sprechi. come mai non se ne parla? e chi ci lavora dentro, A CASA. come hanno fatto in inghilterra, quelle ditte che andranno a coprire i vuoti avranno la possibilità di prendere questi dipendenti prima di altri, dubito che lo facciano sapendo che sono ex statali, comunque loro lo hanno fatto, noi che aspettiamo

    Report

    Rispondi

media