Cerca

Indiscrezione

Matteo Salvini, il retroscena: perché il crollo verticale di Luigi Di Maio può danneggiarlo

12 Febbraio 2019

0
Matteo Salvini

Matteo Salvini dopo il tonfo dei 5 Stelle in Abruzzo non infierisce, anzi. Li tranquillizza ("squadra che vince non si cambia"), li aiuta a rilassarsi ("può capitare una battuta d'arresto e comunque non ho alcuna nostalgia del centrodestra"), li rassicura che non chiederà poltrone né rimpasti. Luigi Di Maio, poi, farà certamente meglio alle elezioni europee, si sa che i grillini soffrono sempre alle amministrative.

Un atteggiamento composto che però non nasconde i suoi successi personali e la preoccupazione per il pressing di Silvio Berlusconi che, come riporta La Stampa in un retroscena, continua a suggerirgli di staccare la spina al governo e di fare il premier del centrodestra. Ma Salvini si sa, vuole andare avanti da solo, non vuole più legarsi al Cavaliere- Meglio tenere in piedi l'esecutivo giallo-verde. Anche se questo crollo del M5s lo spaventa molto. 

Il leader della Lega è preoccupato dal contraccolpo che potrebbe avere Di Maio, "persona seria, un amico al di fuori delle scelte politiche". Tra i pentastellati c'è confusione, divisioni, tentazioni di una resa dei conti: Salvini prova a calmarli: "Quello che è successo in Abruzzo resta qui. A Di Maio e Conte questo l'ho detto. E quindi nessuno usi questo voto per fare polemiche, perché a Roma c'è tanto da fare. Abbiamo bene in testa la tabella di marcia dei prossimi quattro anni. Non mi monto la testa. Più prendo voti più divento umile". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media