Cerca

Volano mazzate

Giuseppe Conte insulta Matteo Salvini in CdM, stravince il leghista: salva-Roma, addio

24 Aprile 2019

1
Giuseppe Conte

Il Consiglio dei Ministri finisce in rissa, governo sempre più spaccato e Giuseppe Conte sempre più apertamente grillino. Matteo Salvini ha prima annunciato e poi confermato, come promesso, lo stralcio dal testo del dl crescita del decreto Salva-Roma. Circostanza che ha fatto perdere le staffe al premier con le cinque stellette: "Non siamo i tuoi passacarte - ha sbroccato secondo testimonianze dei presenti -. Devi portare rispetto a me e a ciascuno dei ministri che siedono intorno a questo tavolo. Non ti devi più permettere", ha sbraitato. Risultati? Zero. Il CdM durato oltre due ore - a quanto si apprende - avrebbe approvato un nuovo tetto per gli indennizzi diretti ai risparmiatori truffati dalle banche (da 100mila a 200mila euro) e nuovi fondi per le zone Zes. Nemmeno l'arrivo di Luigi Di Maio, protagonista di un ultima buffonata annunciando prima la diserzione dunque l'arrivo a tutta birra, ha cambiato le carte in tavola.

Il consiglio dei ministri - previsto per le 18, slittato alle 19 e iniziato quasi alle 20 - si è aperto con le dichiarazioni del ministro dell'Interno leghista. Che sorridente è uscito in cortile e ha annunciato: "Il salva-Roma è fuori dal dl crescita, faremo un provvedimento ad hoc per tutti i Comuni". La conferma a tarda sera: "La Lega è soddisfatta, i debiti di Virginia Raggi non saranno pagati da tutti gli italiani ma restano in carico al sindaco". Prima l'affondo contro Luigi Di Maio, assente all'inizio della riunione perché in tv a registrare DiMartedì: "Quando si parla di crescita è importante esserci, lo stralcio è stato concordato con chi c'era". "Ci sono tanti Comuni in dissesto, in pre-dissesto - ha spiegato Salvini - noi vogliamo aiutare i cittadini romani, i cittadini catanesi, alessandrini, savonesi: lo faremo con un provvedimento ad hoc". A stretto giro di posta erano arrivate smentite grilline, consueta panzana: le cose sono andate così come annunciato da Salvini. La maggioranza gialloverde, ora, sembra non esistere più.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vincentvalentster

    24 Aprile 2019 - 11:11

    Chi aveva dubbi su chi vinceva tra Conte e Salvini alzi la mano

    Report

    Rispondi

Giorgia Meloni svela il vero obiettivo di Conte: "Salvare le poltrone del M5s"

Giuseppe Conte entra in Senato, applausi e strette di mano con i ministri 5 stelle. Gelo con i leghisti
Giulia Bongiorno: "Lega compatta, se c'è stata una rottura coi 5 stelle è solo perché vogliamo fare bene"
Luigi Di Maio lascia la riunione dei gruppi M5s senza fare dichiarazioni. Bocche cucite tra i grillini

media