Cerca

Baci storti

Laura Boldrini annuncia: "Voterò Pd". E la sinistra, nei sondaggi...

15 Maggio 2019

9
Laura Boldrini

Dai «porti aperti» alla lista aperta il passo è stato breve. Nicola Zingaretti, segretario di un Partito democratico alla disperata ricerca di voti, ha imbarcato un po' tutti in vista delle elezioni del 26 maggio. Il fritto misto in salsa Dem, lo ha dichiarato lui stesso il giorno della presentazione del listone, è stato sfornato «di fronte al rischio che Salvini possa incidere sul prossimo parlamento europeo».

Zingaretti, convinto (beato lui) che la grande ammucchiata sia la carta vincente contro quel razzistaccio del leghista, se n' è fregato che un terzo dei 76 candidati del Pd non abbia la tessera del partito. Si spazia dal comunista Pisapia ai transfughi di ritorno, su tutti alcuni bersaniani di Mdp-Articolo 1. In lista per Bruxelles c' è poi la rappresentante italiana di "En Marche!", e considerando la simpatia che riscuote dalle nostre parti il presidente francese Macron vedremo quanto pagherà la scelta.
Della truppa non fa parte l' ex presidente della Camera, Laura Boldrini, fiera esponente a Montecitorio del defunto Leu ("Liberi e Uguali", lo ricordiamo). E però in qualche modo Zingaretti è riuscito a imbarcare anche lei, dato che la paladina dell' accoglienza nelle ultime ore ha annunciato che alle europee, a differenza di altri compagni, voterà Pd e non la lista "La Sinistra".

DALLA GRUBER
«Da tempo» ha spiegato nel salotto di casa di Lilli Gruber, su La7 «avevo proposto una lista di tutto il centrosinistra perché secondo me c' era bisogno di un' operazione innovativa. Purtroppo non è stato possibile» ha proseguito rammaricata la Boldrini «ma spero che tutte le liste del centrosinistra raggiungano la soglia del 4 per cento per non disperdere voti. Io» ha sottolineato «ho scelto di votare per il Partito democratico perché è la lista che ha fatto più sforzi per aggregare, perché il Pd appartiene alla famiglia socialista che al parlamento europeo è la componente progressista più forte, e poi perché ho letto il programma e ci ho trovato una svolta sociale importante». Insomma: chi sostiene che la Boldrini con questa scelta voglia lisciare il pelo a Zingaretti con l' obiettivo di trovare un' altra comoda poltrona quando finirà la legislatura gialloverde non ha capito niente. La Boldrini voterà Pd perché ha letto bene il programma Dem e si rivede nell' importante svolta sociale, punto: il resto sono solo illazioni.

RISCHIO FLOP
Sennonché il leader dei Democratici ha appena incassato anche il sostegno del democristiano Paolo Cirino Pomicino. Proprio lui, 'O ministro, titolare del Bilancio e della Programmazione economica sotto il governo Andreotti. «Non ho più l' età per candidarmi» ha detto l' ex viceré di Napoli «ma posso dare un contributo di idee, qualche voto ce l' ho, gli amici mi seguiranno». A chi gli fa notare che Zingaretti per rinnovare il partito ha deciso di prendersi in casa uno che è entrato in parlamento per la prima volta nel '76, 'O ministro risponde che vorrebbe trovare qualcuno di M5S disposto a confrontarsi con lui in un dibattito. In effetti sarebbe uno spasso vederlo sbertucciare Di Maio, Toninelli e soci.

La pesca a strascico di Zingaretti, stando agli ultimi sondaggi, non sembra comunque aver portato benefici. I Dem continuano ad arrancare e l' ipotesi di un clamoroso flop non è così remota. Ieri Zingaretti per tentare di allontanare i sospetti di inciucio post-europee coi grillini è tornato a dire che «chi vota Di Maio vota Salvini». Il problema, per lui, è che in pochi voteranno Pd.

di Alessandro Gonzato

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gig50

    16 Maggio 2019 - 13:01

    Sapere che la boldrina voterà pd è un bene... perchè favorirà la scomparsa dei comunisti.

    Report

    Rispondi

  • sempre-CDX

    16 Maggio 2019 - 11:11

    Povero PD, con la Boldrini affonderà definitivamente ...

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    16 Maggio 2019 - 09:09

    A me fa molto piacere anche perché la storia della LEU dimostra che il suo voto porta sfiga!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media