Cerca

privilegi

Luigi Di Maio e Alfonso Bonafede frequentano la barbieria di Montecitorio, ma una volta volevano abolirla

24 Giugno 2019

0
Luigi Di Maio e Alfonso Bonafede frequentano la barbieria di Montecitorio, ma una volta volevano abolirla

Luigi Di Maio e Alfonso Bonafede sono i più assidui frequentatori della "barbieria" di Montecitorio. I due grillini - da sempre favorevoli al taglio dei privilegi - sembrano non aver seguito le orme del fondatore del Movimento. All'epoca infatti Beppe Grillo esortava ad aprire "come una scatola di tonno" il salone, simbolo della Casta. I barbieri della Camera, a livello contrattuale, sono considerati assistenti parlamentari. E infatti - rivela Il Giornale - assistono il vicepremier, nella cui cedolina la trattenuta per "Servizi di barbieria" non manca mai. Nell'ultimo, pubblicato dal leader politico dei Cinque Stelle - risalente a febbraio perché il sistema di rendicontazione grillino è diventato più complicato per evitare nuovi casi di finte restituzioni - si trova la spesa, modesta, per farsi tagliare i capelli dai barbieri della Camera: 36 euro. Poco, anche perché i barbieri sono dipendenti del Parlamento quindi il loro reddito - che arriva a 136mila euro l'anno - non dipende dal fatturato della bottega che può quindi tenere i prezzi bassi: 15 euro un taglio, 8 euro la barba, 6 euro la frizione extra.

Nella busta paga dell'onorevole risulta almeno un taglio al mese: a gennaio Di Maio ha speso 41 euro, a dicembre 36 euro, a novembre 26 euro, ad ottobre (51 euro), a settembre (54 euro), a luglio (41 euro). Anche il Guardasigilli Bonafede sembra curare molto i proprio capelli. Per non parlare di Roberto Fico, il presidente della Camera che esordì in stile pauperista recandosi a Montecitorio in autobus - sì ma solo il primo giorno. Pure lui - prosegue Il Giornale - si è subito abituato bene e, tempo due mesi, si è accomodato dagli assistenti piliferi dei deputati: 23 euro di trattenuta, quanto basta per rifinire barba e capelli. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Nicola Zingaretti, l'appello disperato: "L'Emilia-Romagna si salva se combattiamo tutti insieme"

"Prima l'Italiano". Scopritelo su Camera con Vista 2020, inizio di anno movimentato per la politica italiana
Nicola Morra, faida M5s in Calabria: attivisti vogliono la sua testa
Gregoretti, Giorgia Meloni: "Vigliaccata dalla maggioranza. Italiani, ora sapete con chi avete a che fare"

media