Verso il precipizio

Luigi Di Maio si piega a Grillo e Casaleggio: "Salvini non più credibile, il M5s sta con Conte"

18 Agosto 2019

Luigi Di Maio si piega a Grillo e Casaleggio: "Salvini non più credibile, il M5s sta con Conte"

Tra il Movimento 5 Stelle e la Lega è finita. È una nota dei grillini presenti al vertice a casa di Beppe Grillo a Marina Di Bibbona (c'erano Di Maio, Di Battista, Casaleggio, Paola Taverna e i capigruppo di Senato e Camera Patuanelli e D'Uva) a chiarire forse definitivamente come andranno le cose in aula a Palazzo Madama il 20 agosto, quando il premier Giuseppe Conte riferirà sulla crisi.



"Tutti i presenti - si legge in una nota - si sono ritrovati compatti nel definire Salvini un interlocutore non più credibile. Prima la sua mossa di staccare la spina al governo del cambiamento l'8 agosto tra un mojito e un tuffo. Poi questa vergognosa retromarcia in cui tenta di dettare condizioni senza alcuna credibilità, fanno di lui un interlocutore inaffidabile, dispiace per il gruppo parlamentare della Lega con cui è stato fatto un buon lavoro in questi 14 mesi".

Un passaggio significativo: in altre condizioni, sembrerebbe un modo per screditare Salvini e far leva sulle critiche che forse per la prima volta all'interno del Carroccio si sono sollevate riguardo alle scelte del Capitano. In realtà, la posizione grillina non avrà effetti sull'ex alleato, ma sui futuri assetti probabilmente sì: "Il Movimento sarà in Aula al Senato al fianco di Conte il 20 agosto". E l'eventuale scelta di Salvini di ritirare la mozione di sfiducia contro il premier (mai calendarizzata) potrebbe non cambiare di molto il quadro, che pende sempre più verso un inciucio tra 5 Stelle e Pd.