Cerca

Quale futuro

Paolo Del Debbio al posto della Ceccardi? L'operazione di Berlusconi, cattive notizie per Salvini

8 Settembre 2019

1
Paolo Del Debbio

Lo scenario è piuttosto clamoroso. Siamo in Toscana, si parla delle prossime elezioni regionali, le quali potrebbero portare in dote un'altra cattiva notizia per Matteo Salvini. Già, perché secondo quanto anticipato dal Fatto Quotidiano la candidata naturale e designata del centrodestra unito, la pasionaria Susanna Ceccardi - ex sindaca di Cecina ed ora parlamentare europea - potrebbe essere sostituita. Da chi? Il nome è ancor più clamoroso: Paolo Del Debbio, il conduttore Mediaset equidistante tra Salvini e Silvio Berlusconi, il quale cercò in tutti i modi di portarlo in politica qualche tempo fa, senza però riuscirci.

Leggi anche: Paolo Del Debbio avverte Giuseppe Conte

Il punto è che dopo le comunali perse a Firenze, Prato e Livorno di maggio, FI e Fratelli d'Italia non vogliono più la Ceccardi; ma anche nella Lega qualcuno avrebbe messo in discussione la scelta, anche in considerazione delle troppe contese politiche a cui ha preso parte. Per certo, questo duello Del Debbio-Ceccardi per la candidatura è indice di come il clima nella coalizione di centrodestra sia tutt'altro che sereno. Così rispunta il nome di Del Debbio, che per quanto non sgradito al Carroccio ha una matrice completamente diversa. Il giornalista, secondo quanto riferisce Il Fatto, nutrirebbe dubbi sulla discesa in campo. Ma, riferisce un esponente di lungo corso del centrodestra toscano al quotidiano, "se dovesse chiederglielo direttamente Berlusconi, non potrebbe dirgli di no". Così come Del Debbio non potrebbe dire no alla sua terra d'origine, la Toscana da espugnare.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • valdovaldese

    09 Settembre 2019 - 09:09

    Tutti si domandano perché Salvini, sul più bello, ha aperto il balcone e si è gettato di sotto; io non lo so, ma sento puzza di un ricatto berlusconiano, un ricatto di carattere non politico ma 'personale'...

    Report

    Rispondi

media