Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Silvio Berlusconi pronto a sostenere la maggioranza: il piano per indebolire Salvini e tornare protagonista

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

Il governo è partito già risicato. La fiducia al Conte bis è passata con 169 voti, una miseria che terrorizza Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti. Perfino il leader grillino, che nella scorsa legislatura si era detto sempre contrario alla sponda di Forza Italia, ai fedelissimi ha spiegato che accetterebbe volentieri (e come dargli torto) l'aiuto degli azzurri, soprattutto sulla legge di bilancio. "Il timore - ha riferito, secondo il Messaggero, ai suoi - è che il Pd possa balcanizzarsi alla prima occasione, dobbiamo aumentare i numeri". E così sia i dem che i Cinque Stelle scommettono sull'implosione del partito di Silvio Berlusconi. Leggi anche: Berlusconi, in massa lasciano Fi: "linea troppo soft" Alcuni potrebbero passare nella Lega (si fanno i nomi di Minuto e Caligiuri), altri con Toti. Ma l'ala del partito che non vuole più sentir parlare di Salvini è pronta a convergere con la maggioranza, sulla manovra e sulla legge elettorale. Una decisione che gioverebbe al Cav, anche lui basso di consensi. Così facendo non solo potrebbe diminuire la capacità di Salvini di resistere all'opposizione, ma anche di allontanare l'ipotesi di sparire dalla scena politica.

Dai blog