Cerca

La spaccatura

Scissione Pd, Matteo Renzi accelera e vede Giuseppe Conte. Ha già il nome del suo partito: "Italia del sì"

16 Settembre 2019

4
Scissione Pd, Matteo Renzi accelera e vede Giuseppe Conte. Ha già il nome del suo partito: "Italia del sì"

Mentre Dario Franceschini parla di scissione "ridicola" e si appella a Matteo Renzi - "Non farlo, il Pd è casa tua" - l'ex premier accelera ed è pronto a incontrare Giuseppe Conte per dargli rassicurazioni sul suo sostegno al governo anche quando dirà addio al Partito democratico. Perché così sarà. Renzi ha già in programma diverse riunioni, riporta La Stampa in un retroscena, per definire la struttura del suo soggetto politico che poggerà sulla rete di Comitati civici di Rosato e Scalfarotto e su quella della corrente Sempre Avanti di Roberto Giachetti. Ci sarebbe anche il nome, il più gettonato nelle chat dei renziani è "Italia del Sì". Ma l'ex segretario deciderà anche in base alle valutazioni di esperti della comunicazione.

"Italia del sì" che rimanda al "Sì" al referendum del 2016 e a un progetto politico che vuole, come dice Luciano Nobili, "recuperare le ragioni del cambiamento che animarono il governo Renzi, di ammodernare le istituzioni, di realizzare le infrastrutture per la crescita del paese".

Un'altra parola chiave è "crescita". Nome e simbolo, insomma, sono ancora da definire ma il marchio sicuramente si ispirerà a En Marche di Macron e intende attrarre parlamentari di Forza Italia e di Più Europa. Tra i nomi degli scissionisti ci sono, al Senato: Bonifazi, Faraone e il ministro Teresa Bellanova. Alla Camera servono venti deputati per un gruppo e la prima dozzina è già composta da: Anna Ascani e Ivan Scalfarotto, che resterebbero al governo, Giachetti, Rosato, Boschi, Marco Di Maio, Nobili, Anzaldi, Fregolent, Del Barba, Migliore, Mattia Mor e Marattin, che farebbe il capogruppo in alternativa alla Boschi. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Carlito58

    16 Settembre 2019 - 11:11

    Chiamatelo PT ... (partito traditori) ... non sarebbe male ... almeno renderebbe bene l'idea a tutti

    Report

    Rispondi

  • ohmohm

    ohmohm

    16 Settembre 2019 - 09:09

    anche questo insieme alla boschi ha rotto le palle...ha colto l'occasione di una cosa seria e grave come la caduta del governo per fare l'avvoltoio!

    Report

    Rispondi

  • levantino

    16 Settembre 2019 - 08:08

    Dopo che ci ha venduti alla Libia per dare gli 80 euro agli italiani indigenti ( gli 80 euro,se dati o non dati ai poveri,sempre poveri restano) da Renzi. Ora ci si vanno ad alleare con il PD. Dei due l'una,o i 5S sono d'accordo col PD o sono per la poltrona. Ma una cosa è vera,Renzi ci ha venduti per pochi spiccioli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

"È intelligente e preparato". Silvio lancia il Draghi premier: "Se fosse disponibile..."

Matteo Salvini: "Se a qualcuno non piacciono presepio, crocefissi e campanili torni a casa propria"
Beppe Grillo arriva al secondo giorno di Italia 5 Stelle lanciando baci ai giornalisti
Matteo Salvini attacca gli ex alleati: "Il M5s si vergogna a farsi vedere nelle piazze in Umbria"

media