Cerca

La spallata

Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni al PalaDozza: "Ci prendiamo prima l'Emilia, poi tutta Italia"

14 Novembre 2019

4
Lucia Borgonzoni, Matteo Salvini

Prove tecniche di ritorno al governo per la Lega e Matteo Salvini dal Paladozza gremito, tra le bandiere del Carroccio e i cappellini per Lucia Borgonzoni, candidata del centrodestra in Emilia Romagna al voto del 26 gennaio. L’evento principale della Lega a Bologna vede sul palco tutti i governatori del Carroccio, tra loro anche Luca Zaia, incerto fino all’ultimo, vista la sciagura che ha colpito Venezia. I seimila posti del palazzetto sono tutti occupati. Tifo da stadio, mentre Mario Giordano introduce gli ospiti.

Pesantissime le prime parole di Salvini: "Se anche qui come in Umbria sceglieranno il futuro, il cambiamento, la Lega e il centrodestra qualcuno a Roma ne dovrà prendere atto". Il messaggio del leader è chiarissimo: vincere in Emilia Romagna per archiviare il governo giallorosso e riprendersi il governo dopo elezioni. Uno scenario che, in caso di vittoria della Borgonzoni, potrebbe essere l'unica pista percorribile.

L'incontro è iniziato con una quarantina di minuti di ritardo. La ragione? Per consentire ai militanti a bordo dei pullman fermi nel traffico bloccato dalla contro-manifestazione dei centri sociali di raggiungere il PalaDozza. Fuori dal palazzetto, infatti, i soliti noti si scontravano con la polizia tra cori e insulti contro il leader della Lega.

"Fuori ci sono dei teppisti che cercano di aggredire poliziotti e carabinieri - ha tuonato Salvini -. In democrazia non funziona così, poliziotti e carabinieri dovrebbero stare in stazione a controllare gli spacciatori, non in strada a bloccare i viali e a usare gli idranti perché ci sono dei violenti per i quali a Bologna può manifestare solo qualcuno che a loro sta simpatico e la Lega no. Siamo in democrazia, Bologna è aperta a tutti", ha sottolineato

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FraBru

    15 Novembre 2019 - 15:02

    ...prima l'Emilia, poi tutta Italia! Benissimo, io rivoglio poi anche Istria e Dalmazia, Nizza e Savoia, Corsica e Malta!

    Report

    Rispondi

  • marcadabollo

    15 Novembre 2019 - 14:17

    andate a vedere chi paga quelli dei centri sociali.........gente che dovrebbe lavorare invece di andare in giro a fare i coglio.....! Bisognerebbe fare come in Cina ! Vedi che gli passa la voglia di fare sommosse!!!

    Report

    Rispondi

  • Menono Incariola

    15 Novembre 2019 - 13:13

    Concordo, dato che sono i primi a volerle dare. Quando si ritroveranno a fare come i "pifferi di montagna", forse inizieranno a cambiare comportamento...FORSE!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Matteo Salvini da Bechis: "Conte in gita a Londra mentre l'Ilva affonda"

Plastic e sugar tax, Vittorio Cino (presidente Assobibe): "Per noi sono una rovina, il governo ci ripensi"
Governo, Nicola Zingaretti: "Ora basta polemiche, scommettiamo di più sulla manovra"
Regionali, Matteo Salvini: "In settimana incontro con Silvio Berlusconi, dobbiamo farci trovare preparati"

media