Cerca

L'inchiesta

Fondazione Open, Marco Carrai indagato: il sospetto sul fedelissimo di Matteo Renzi

27 Novembre 2019

3
Marco Carrai

Subito un pesantissimo colpo di scena nell'inchiesta sulla fondazione Open, la cassaforte di Matteo Renzi: tra gli indagati infatti spunta Marco Carrai, da sempre amico personale dell'ex premier nonché membro del Cda della Fondazione. Secondo quanto si apprende, la Guardia di Finanza infatti avrebbe perquisito il suo ufficio notificandogli l'avviso di garanzia. Stando a quanto aggiunto da alcune indiscrezioni, l'imprenditore fedelissimo di Renzi sarebbe stato il punto di riferimento all'interno della fondazione per tutti i finanziatori su cui ha acceso i riflettori la procura di Firenze. Per ora, nell'ambito della stessa inchiesta, risulta indagato anche Alberto Bianchi, presidente della fondazione. Carrai ha subito commentato le indiscrezioni relative alla sua iscrizione nel registro degli indagati: ""Ho fiducia che la magistratura chiarirà presto la mia posizione. So di non aver commesso reati e di aver sempre svolto i miei compiti rispettando la legge", ha concluso.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Karl Oscar

    27 Novembre 2019 - 14:26

    Che tempismo!!!!!

    Report

    Rispondi

  • swiller

    27 Novembre 2019 - 13:21

    ERA ORAAAA........

    Report

    Rispondi

  • lellac

    27 Novembre 2019 - 11:01

    Quando la magistratura si accanisce su Berlusconi tutto va bene e la giustizia trionfa mentre se si rivolge sul bulletto vanitoso diventa d'improvviso un 'accanimento mediatico'..........ma pensa come funziona in questa povera italietta sinistrorsa.........

    Report

    Rispondi

Libia, Giuseppe Conte alla conferenza internazionale di Berlino: "Lavoriamo per il cessate il fuoco"

Matteo Salvini a Cattolica: "Chiederò alla Lega di votare sì al processo sulla Gregoretti"
Bettino Craxi, la cerimonia a Hammamet. La figlia: "Vergogna dal governo. Credo che Mattarella farà un gesto"
Nicola Zingaretti, l'appello: "L'Emilia-Romagna si salva se combattiamo tutti insieme"

media