Cerca

Il pasticcio

Franco Bechis su Giuseppe Conte: "Supercazzole e musi lunghi, che autogol il discorso sul Mes"

3 Dicembre 2019

0
Franco Bechis

Franco Bechis, nel suo editoriale sul Tempo in edicola martedì 3 dicembre, critica l'atteggiamento del premier Giuseppe Conte nel dibattito parlamentare sul Mes. Conte, scrive il direttore, è riuscito a non dire nulla per 28 lunghe e noiose pagine. Conte doveva chiarire se era intervenuto - come lo aveva impegnato a fare il Parlamento - in sede di consiglio di Europa e di Euro gruppo il 21 giugno scorso per cambiare due passaggi di quella riforma critici per l'Italia. Tutti abbiamo chiaro che se mai quell'intervento ci fosse stato, comunque sarebbe andato a vuoto perché i due punti critici c' erano prima e sono identici nel testo attuale.

Per approfondire leggi anche: Luigi di Maio e Conte, la frase rubata da Osho

Ha sciorinato vuota retorica, frasi prive di qualsiasi significato, documenti a supporto dove era contenuta al massimo l'acqua fresca. L'unica frase ripetuta più volte è che lui avrebbe costretto tutti gli altri capi di Stato europei a piegarsi a una "logica di pacchetto". Che cosa questo significhi è misterioso. Così dopo il suo discorso erano tanti i musi lunghi dopo le supercazzole del premier, e le facce più scure erano nei banchi M5s, prima fra tutte quella di Luigi Di Maio. La sensazione dopo questo passaggio in aula è - per dirla con un gioco di parole - che per Conte si sia Mes ppiuttosto male. Nei corridoi di palazzo esponenti della maggioranza ieri non escludevano per la prima volta una crisi di governo.
 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Sergio Mattarella alla Prima della Scala, un curioso video da dietro le quinte

Maria Giovanna Maglie, Stasera Italia
C'è un pinocchio e un grande Mes, scopriteli su Camera con Vista
Matteo Salvini allontana i giornalisti dallo stand della Lega: "Tanto scrivono quello che vogliono"

media