Cerca

veneto

Verdi: se ne è andato Sandro Boato, urbanista e poeta

3 Dicembre 2019

0

Venezia, 3 dic. (Adnkronos) - "Se n’è andato mio fratello Sandro, urbanista verde e poeta Sandro Boato era nato a Marghera nel 1938, maggiore di 5 fratelli con Maurizio del 1939, Stefano del 1942, Marco del 1944 e il sottoscritto, arrivato nel 1947. Tutti, in un modo o nell’ altro, ci siamo impegnati in “politica”, prima nei gruppi spontanei di cattolici del dissenso, poi in Lotta Continua e, in vario modo, con i Verdi". Ad annunciarlo è il fratello Michele Boato

"Sandro laureato in architettura nel 1961 quasi subito si trasferisce a Trento col prof. Samonà, per redigere il primo Piano Urbanistico Provinciale d’Italia; poi rimane in Provincia per seguirne la gestione. Urbanista appassionato dell’ambiente, dai primi anni ‘80 si impegna nei Verdi ma le sue passioni sono soprattutto l’ecologia e la poesia. Assieme ad Alex Langer e a Marco, ha un ruolo importante nella fondazione della lista Nuova Sinistra-Neue Linke con cui, dopo Sandro Canestrini, entra in consiglio provinciale dal 1978 al 1983. Dal 1985 al 1988 è consigliere comunale di Trento, poi torna in consiglio provinciale nel 1988-1993 con i Verdi, nati da poco, a cui versa tutta la quota eccedente il suo stipendio", ricorda il fratello.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Sergio Mattarella alla Prima della Scala, un curioso video da dietro le quinte

Maria Giovanna Maglie, Stasera Italia
C'è un pinocchio e un grande Mes, scopriteli su Camera con Vista
Matteo Salvini allontana i giornalisti dallo stand della Lega: "Tanto scrivono quello che vogliono"

media