Cerca

triste destino

Sondaggi, Stefano Buffagni sbaglia a leggerli: "Alla peggio il M5s è quasi al doppio della Meloni"

13 Gennaio 2020

2
Sondaggi, Stefano Buffagni sbaglia a leggerli: "Alla peggio il M5s è quasi al doppio della Meloni"

Ne abbiamo sentite tante dai Cinque Stelle, ma questa le supera tutte. Stefano Buffagni, interrogato sulla critica situazione del Movimento, concede ai cronisti una spiegazione inverosimile: "Ma che implosione - esordisce il deputato grillino in riferimento ai numerosi addii (tutti concreti) -. Stiamo parlando di una forza politica che alla peggio nei sondaggi è quasi al doppio della Meloni, che sembra il salvatore del Paese".

Evidentemente il viceministro dello Sviluppo Economico ha sbagliato a leggere i numeri. L'ultimissima rivelazione, quella di Index Research per Piazzapulita dà il Movimento 5 Stelle al 16 per cento e Fratelli d'Italia al 10,5. L'unica differenza è che Giorgia Meloni in un anno è riuscita solo a crescere, mentre i grillino sono stati in grado di perdere più della metà dei consensi. Se la matematica non è un'opinione, Buffagni ha sbagliato a fare i calcoli. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LePendu

    13 Gennaio 2020 - 16:15

    Ma no che non ha sbagliato: lui i conti li fa con la matematica grillina, che come tutto ciò ch'è grillino, si sa, è un po' "elastica" e probabilmente dipende da qualche raffinato algoritmo di Rousseau. E poi il "quasi" sana anche qualche imprecisione, come quella che vorrebbe 16=21. Buffagni o buffoni? Ahahah.

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    13 Gennaio 2020 - 12:54

    Poveretti, ormai sono fuori come balconi

    Report

    Rispondi

Santori, dopo il bimbo autistico altro disastro: "Alle sardine non interesse chi vince, ma..." 

Matteo Salvini, droga in Parlamento: "Gli ho guardato gli occhi, secondo me...". Ovazione in piazza
Vela Verde di Scampia, iniziato l'abbattimento: Napoli dice addio al simbolo di Gomorra
Matteo Renzi assente in aula, non vota la fiducia al governo sul decreto intercettazioni

media