Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Patrimoniale, Imu, e ViscoEcco la ricetta di Renzi

Esplora:

Ignazio Stagno
  • a
  • a
  • a

Per Matteo Renzi adesso viene il difficile. Dopo le parole deve passare ai fatti. Ormai il tempo degli slogan per le primarie è finito e il rottamatore deve dire chiaramente qual è la sua ricetta per il Paese. Per capire cosa ha in mente Renzi bisogna guardare chi sta dietro di lui. Il responsabile dell'Econima del Pd adesso è Filippo Taddei, e ha le idee chiare su come tassare gli italiani. Taddei tifa per l'Imu: "Se la si abolisse si perderebbero circa 4 miliardi di euro di gettito, stando ai livelli 2012. Il  gettito complessivo da Imu in percentuale del Pil è circa la metà  della Francia e della Gran Bretagna. Anche includendo l'Imu, il fisco  italiano non è certo più patrimonializzato che altrove. Inoltre,  l'Imu sulla prima casa è già una imposta piuttosto progressiva: più  della metà di questo gettito viene dal 30% delle famiglie più  ricche. Abolendo l'Imu sulla prima casa, come è stato fatto con una   sospensione per il 2012, si renderebbe il nostro sistema fiscale  perfino più regressivo. Secondo me andrebbe reintrodotta sulla prima casa e i proventi usati per ridurre le imposte sul reddito da lavoro". Assegno di disoccupazione - Ma la ricetta del Pd renziano prevede anche un assegno di disoccupazione per tutti: "Deve esserci un assegno di disoccupazione universale, per tutti i lavoratori. Adesso sarebbe estremamente costoso introdurla perché il numero di disoccupati è elevato. Avrebbero dovuto farlo in passato, quando le cose andavano meglio e ce lo potevamo permettere. Quando arriverà il miglioramento cerchiamo di farci trovare preparati. Non possiamo perdere un'altra occasione". Tra le righe spunta anche una patrimoniale. Il renziano infatti per recuperare i fondi per gli assegni di disoccupazione vorrebbe tassare i redditi altri e il patrimonio.  Il fantasma di Visco... - Idee e ricette economiche che piacciono all'ex ministro del Tesoro, Vincenzo Visco che pare essere in pole position per un posto in via XX settembre in un eventuale governo Renzi. Visco è stato corteggiato a lungo da Renzi e dai suoi fedelissimi, così si scalda già a bordo campo: "Io con Renzi al governo? L'unica cosa certa è che io ho incontrato un paio di volte - spiega Visco in un'intervista ad Affaritaliani.it - il suo spin doctor per l'economia, quell'israeliano Yoran Gutgeld, ex senior director di Mc Kinsey, ora parlamentare Pd, autore di un saggio – Più uguali più ricchi – che è un po' il manifesto di un new deal italiano che condivido in molti punti.In quel libro Gutgeld scrive addirittura che bisognerebbe fare un busto all'ex ministro Visco in ogni piazza d'Italia per essere riuscito a recuperare più di trenta miliardi di evasione fiscale. Gutgeld lo scrive in maniera gustosa, ma è tutto scritto nei bollettini statistici dell'Agenzia delle Entrate. Ho recuperato, nei miei anni al Ministero, molta evasione e con quei tesoretti fiscali – termine che abborro – sono riuscito ad abbassare le tasse". Insomma la ricetta di Renzi è una sola: Imu, patrimoniale, tasse e... Visco. La solita minestra di sinistra. 

Dai blog