Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Riccardo Ricciardi rincara la dose: "Fontana ha fatto diversi errori, il governo invece non mi pare ne abbia fatti"

  • a
  • a
  • a

Riccardo Ricciardi rincara la dose dopo l'attacco in Aula alla sanità lombarda. Il grillino ha generato il caos tra le opposizioni e non solo. In molti, anche del Pd, non hanno apprezzato la sua invettiva in un momento cruciale per il Paese che deve mostrarsi unito e collaborativo. "L'obiettivo, sembrerà banale e enfatico, è quello di dire la verità ai cittadini". Così il deputato, in un'intervista al Corriere, ha giustificato le sue frasi. Parole che stridono con quanto chiesto dal premier poco prima del suo discorso: "Conte fa benissimo ad aprire alle opposizioni, abbiamo tutti uno spirito di collaborazione. Ma i leghisti avevano appena finito di definirlo dittatore e di invocare la resistenza antifascista. Che dialogo è?". 

 

 

Accuse che sanno di rippicca politica visto e considerato che Ricciardi riesce a notare solo gli errori altrui: "Fontana ha fatto due errori gravi: la lettera all'Rsa dell'8 marzo e l'inutile ospedale in Fiera". E a chi gli chiede degli errori del governo? Presto detto: "Non mi pare ne abbia fatti, sulla gestione sanitaria. Vedremo più avanti, sia per le Regioni sia per il governo". Peccato che Ricciardi dimentichi i ritardi sulla chiusura del Paese che hanno permesso fino all'ultimo momento possibile l'arrivo di voli diretti da Wuhan, epicentro dell'epidemia.

Dai blog