Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maria Elena Boschi va su tutte le furie, in Parlamento è caos sulla questione commissioni: "Mai vista una cosa del genere"

  • a
  • a
  • a

Maggioranza in tilt. A mettere nero su bianco gli screzi che dividono Pd e M5s il caos commissioni. Nella lunga notte mercoledì per il rinnovo delle 28 presidenze di commissione sono volati coltelli. "Mai vista una cosa del genere, nemmeno ai tempi di Scilipoti" sussurrano i commessi. Il motivo è semplice: il Movimento 5 Stelle è rimasto con un pugno di mosche in mano. I grillini hanno da subito puntato il dito contro i franchi tiratori per poi rivolgersi ai vertici della forza politica fondata da Beppe Grillo. E così, secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, il M5s è ormai una "polveriera".

 

 

Ma c'è di più perché i pentastellati non vedono di non occhio neppure l'elezione di Luigi Marattin. Alle due di notte l'economista renziano ottiene la presidenza della Finanze con 26 voti, contrari 18. Eppure la sua elezione si sblocca solo quando il renziano Catello Vitiello si dimette, dopo esser stato eletto a presidente della commissione Giustizia. Proprio in quei minuti, stando alle testimonianze raccolte dal Corsera, una furibonda Maria Elena Boschi si rivolgeva così ai suoi: "Non fate iniziare fin quando non viene sanata la questione giustizia".

Dai blog