Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'assessore Bolognini contro Conte e Lamorgese: "Il governo ha bloccato lo sfratto dei delinquenti nelle case popolari"

Stefano Bolognini
  • a
  • a
  • a

Caro direttore, concordo con molti articoli che spesso leggo con attenzione sul suo giornale. Questo governo si sta dimostrando, ogni giorno che passa, inadeguato a gestire l'emergenza e, soprattutto, la ripartenza, non solo sui grandi temi come ad esempio la scuola, ma anche nelle "piccole" (che poi tanto piccole non sono) cose. Un esempio su tutti che oggi vorrei portare alla sua attenzione è quello del blocco degli sfratti e degli sgomberi, già contenuto in una norma del decreto "Cura Italia" con termine previsto al 31 agosto, ma successivamente prorogato al 31 dicembre dal decreto "Rilancio". Ora, io sono d'accordo sul fatto che famiglie in stato di necessità e di bisogno a causa di problemi economici dovuti alla pandemia o acutizzati dalla crisi non vadano sfrattati, ci mancherebbe. Però ritengo folle che non si possa procedere nemmeno allo sgombero di delinquenti "certificati" che occupano abusivamente e senza un reale stato di necessità gli alloggi popolari. Si sta lanciando un messaggio sbagliato, affermando che questi balordi possono prendere possesso di appartamenti popolari e rimanerci impunemente fino al 31 dicembre, ma temo anche in seguito, se il termine verrà nuovamente spostato in avanti. Questo blocco si configura, nella pratica, come un vero e proprio regalo nei confronti di quegli abusivi che le forze dell'ordine hanno assoluta certezza siano delinquenti o abbiano commesso reati. Per sgomberare il campo da ogni dubbio, ribadisco il supporto verso chi è stato colpito, dal punto di vista economico, dalla pandemia e con orgoglio posso affermare che Regione Lombardia ha messo in campo nei mesi scorsi diverse misure orientate in questa direzione e altre verranno varate nel prossimo futuro. Chiedo, però, con forza, da assessore alla Casa ma, soprattutto, da cittadino per bene che sta dalla parte dei cittadini per bene, in nome della legalità, di potere procedere fin da subito allo sgombero di tutti i malfattori che occupano gli appartamenti popolari non perché ne abbiano bisogno, ma solo ed esclusivamente per delinquere. 

Stefano Bolognini
Assessore regionale alle Politiche abitative Lombardia

Dai blog