Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Antonio Cassano perde il ricorso: maxi stangata dal Fisco, quanto dovrà versare

  • a
  • a
  • a

La Corte di Cassazione ha condannato Antonio Cassano a risarcire il fisco in ordine a emolumenti retributivi su cui non ha pagato le tasse quando era un calciatore della Roma. L'Agenzia delle entrate ha fatto ricorso presso la Suprema Corte, che ha impugnato la decisione della Commissione tributaria regionale della Puglia, secondo cui vi erano i "presupposti legittimanti l'esenzione dalle sanzioni amministrative". Dunque Cassano dovrà pagare le tasse su emolumenti retributivi per un ammontare di 263 mila euro, "corrisposti dalla società sportiva al calciatore per prestazioni professionali rese a quest'ultimo dal proprio procuratore". Per approfondire leggi anche: Antonio Cassano assente da Tiki Taka? Dagospia: "C'è lo zampino di Pier Silvio Berlusconi"

Dai blog