Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giampiero Mughini e la Coppa Italia al Napoli: "Juve ammazzata dalla quarantena, Dio che tracollo"

  • a
  • a
  • a

"Cappello cappello cappello innanzi al Napoli di “Ringhio” Gattuso", Giampiero Mughini scrive a Dagospia per commentare la finale di Coppa Italia tra il Napoli e la "sua" Juventus. Complimenti agli azzurri, vincitori 4-2 ai rigori dopo lo 0-0 dei 90 minuti, e tirata d'orecchie (eufemismo) per i bianconeri di Maurizio Sarri. La Signora "non era poi questa gran cosa" di si era sentito dire, chiosa Mughini, appassionato di calcio e ultrà juventino. Dopo un primo tempo equilibrato, sia pure senza brillare, nella ripresa per la Juve è stato "peggio che andar di notte". Si arriva così ai rigori, dopo un paio di miracoli di Buffon.

 

 

 


Mughini pensava che il Napoli avesse il 70% di possibilità vincere la Coppa. Sbagliato: "Dopo che ho visto Dybala sbagliare abbastanza goffamente il primo rigore, ho capito che era finita". E così è stato: "Dio che disastro, Dio che tracollo, Dio che Juve ammazzata dalla quarantena. Succede. Nella vita come nello sport".

Dai blog