Cerca

Exploit

Sardine, Mattia Santori la spara grossa: "Ecco il nostro programma, puntiamo al 25%"

15 Dicembre 2019

0

Tornare prima possibile nelle piazze: questo è l'obiettivo di questa riunione in cui ci siamo conosciuti", ha detto Mattia Santori al termine della prima riunione nazionale dei promotori delle manifestazioni delle sardine. A Roma hanno partecipato circa 150 promotori delle iniziative di piazza locali che si sono tenute in questo mese.

L'incontro, a porte chiuse, si è teneto nello Spin Time Labs, una sorta di centro sociale, a due passi da Piazza San Giovanni, dove alloggiano circa 150 famiglie, con tanto di auditorium dove si organizzano eventi culturali.

All'ingresso, un grande striscione: "Viva le sardine, abbasso gli sgombri". Alcuni ragazzi alla porta riferiscono che si tratta sostanzialmente di un primo contatto fisico tra chi in questo mese ha comunicato solo su Facebook. Una riunione, quindi, prettamente organizzativa, durante la quale si discuterà insieme per fare un primo bilancio sulle manifestazioni, su cosa ha funzionato di più e cosa di meno. Sempre le stesse fonti sostengono che non sia all'ordine del giorno né la decisione né il dibattito sull'eventuale presentazione di liste alle prossime regionali. L'incontro dovrebbe terminare verso ora di pranzo.

"Il nostro obiettivo è superiore a un italiano su 4", afferma Santori, commentando a "Mezz'ora in più" su Rai 3, il sondaggio secondo cui un italiano su 4 potrebbe essere interessato al loro movimento.

"Il nostro prossimo passo è tornare sui territori" da gennaio. "Sarà dedicata particolare attenzione alle prossime elezioni in Calabria e, soprattutto, in Emilia Romagna". Lo si legge sulla pagina Fb "6000 Sardine". Si annuncia "attenzione alle periferie, a piccole città e province. Uno degli obiettivi fino a fine gennaio sarà raggiungere il più possibile territori che, spesso perché in difficoltà, si sono rivelati più vulnerabili ai toni populisti": in E-R ci saranno iniziative "nella "bassa", nelle zone collinari e montane".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Luigi Di Maio, dopo l'addio l'abbraccio con Vito Crimi: "Buona fortuna"

Dimissioni Di Maio, Giuseppe Conte: "Luigi tirato per la giacchetta, rispetterò decisione ma mi dispiacerà"
Matteo Renzi spinge Conte verso la crisi: "Prescrizione, la sua proposta è anticostituzionale"
Matteo Salvini, blitz elettorale a Bologna. Citofona al tunisino: "Lei spaccia?", e il Pd lo insulta

media