Cerca

Dopo il golpe

Erdogan in piazza senza cravatta: tutti i segnali della svolta "islamista" della Turchia

Sabato era intervenuto in piazza, davanti ai suoi sostenitori. Domenica mattina Recep Tayyp Erdogan è intervenuto ai funerali delle vittime del golpe a Istanbul. Dopo il tentato colpo di stato militare di venerdì sera, non c'è dubbio: il presidente turco è più forte e popolare che mai. Lo testimonia il pugno duro non solo minacciato, ma già in parte attuato contro i golpisti e presunti colpevoli: centinaia di militari a rischio pena di morte, 2.745 giudici rimossi dal loro incarico, diktat agli Stati Uniti di consegnare l'oppositore in esilio Fetullah Gulen, che secondo il "Sultano" sarebbe stato l'ispiratore del golpe. 

Soprattutto, però, a inquietare l'opinione internazionale (che a parole festeggia per la "democrazia salvaguardata") è la svolta non solo autoritaria ma ancor più islamista che Erdogan potrebbe imporre in Turchia. Un percorso avviato da tempo ma che dopo quanto accaduto potrebbe trovare porte aperte anche tra gli oppositori più moderati. I segnali e i simboli sono importanti, e sono già comparsi a Istanbul: in piazza Taksim la gigantografia del padre della Turchia moderna Ataturk è stata sostituita domenica mattina da una di Erdogan. Secondo: il presidente e i suoi sostenitori sono scesi in piazza tutti, rigorosamente senza cravatta. Dettaglio da poco? Non proprio: il nazionalista laico Ataturk la indossava sempre, mentre nel mondo islamico è considerata simbolo di occidentalizzazione e negli ambienti più rigidi (ad esempio in Iran) è vietata. Erdogan, islamista convinto, ha voluto mandare un messaggio chiaro: la Turchia potrà anche entrare in Europa, ma non sarà mai europea. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettym

    18 Luglio 2016 - 10:10

    La Turchia è un bacino veramente pericoloso ed il suo presidente è un dittatore islamico e basta; è odioso e stupido sentire i politici occidentali congratularsi per il fallimento del golpe e la "vittoria della democrazia"..ma quale democrazia?? Erdogan è un dittatore fondamentalista ed estremista!! Alla faccia della democrazia!! Peccato che il golpe abbia fallito!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    17 Luglio 2016 - 19:07

    Gli islamici non erano, non sono e non saranno mai amici delle democrazie occidentali. Quelli che si dichiarano amici, lo fanno solo per avere armi e protezione: Vedi paesi del Golfo et similia. Se non li avessimo presi a calci in c..o diverse volte, starebbero ancora saccheggiando le nostre coste. Non potendolo più fare, i diseredati vengono "pacificamente" da noi, pagati dai vari sultani.

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    17 Luglio 2016 - 19:07

    UN falso, buffone islamico; come i comunisti..!

    Report

    Rispondi

blog