Cerca

Un Paese nel mirino

Incubo spread: torna a quota 500

Pesa la decisione della Corte Costituzionale tedesca: su fondo Esm e fiscal compact tutto rimandato al 12 settembre
Incubo spread: torna a quota 500

La possibilità che - come la scorsa estate e come accadde proprio in questi giorni - riprendesse l'attacco speculativo contro l'Italia era più che accreditata, tanto che gli operatori di molte sale di trading legate al Tesoro sono stati costretti dalle loro società a rinunciare alle loro vacanze. Ed ecco che con un timing allarmante la nuova tempesta comincia a colpire il Belpaese. L'indicatore che tutti guardano è lo spread: il differenziale tra Btp e Bund tedeschi a dieci anni è volato a 500 punti base, per poi retrocedere di qualche unità a quota 490, con un rendimento pari al 6,12 per cento (altissima tensione anche sui Bonos spagnoli, con lo spread quasi a quota 560). Il governo Monti ha rassicurato: "Al momento non c'è nessuna intenzione di ricorrere al cosiddetto scudo anti-spread. Nessuno può escluderlo a priori per il futuro, ma al momento non se ne ravvisa la necessità", hanno spiegato fonti dell'esecutivo.

Incertezza sul meccanismo anti-spread - Sui rilazi dello spread non pesano soltanto i timori speculativi che porta con sè l'estate. Ci sono infatti altri due fattori che incidono in questo lunedì 16 luglio. Il primo, la notizia che la Corte Costituzionale tedesca ha annunciato che si pronuncerà soltanto il prossimo 12 settembre sulla compatibilità del fondo Esm e del fiscal pact con le leggi tedesche. Il risultato? Sarà un lungo e caldissimo agosto di incertezza per i mercati del debito sovrano, poiché le decisioni definitive sul meccanismo anti-spread sono state rallentate dalla Ue e da Berlino: ancora per lunge settimane non ci sarà alcun paracadute per i Paesi nel mirino, come Italia e Spagna. Poi incidono le stime del Fondo monetario internazionale sull'economia mondiale: in un aggiornamento del World Economic Outlook le previsioni sul Pil globale sono state abbassate a un valore pari a -0,1% per l'anno in corso e a -0,2% per l'anno prossimo a causa di "segni di ulteriore debolezza nella ripresa globale.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    17 Luglio 2012 - 12:12

    direi quindi,ai festeggiatori con champagne delle dimmissioni di Silvio,di aspettare ancora un po ,prima di infilarsi nel culo la bottiglia che è avanzata.( spero Magnum Millesimato)

    Report

    Rispondi

  • uffa

    17 Luglio 2012 - 09:09

    Di chi è la responsabilità di tutto questo? Sicuramete della classe dirigente politica che si è susseguita almeno da 40 anni a questa pare. 2000 mld di debito sono un infinità di soldi. E' assurdo ad esempio che il pareggio di bilancio non era un obiettivo minimo ma è stato introdotto per legge. Sicuramente la responsabilà è di chi gestisce le politiche dell'eurozona. Si parla ad esempio di crescita ma nessuno dice che per prima cosa andrebbe uniformato a livello europeo il mercato del lavoro (costi/salari). Andrebbe risolto il problema della delocalizzazione (che è un problema europeo). Di colpevoli ce ne sono molti, di sicuro la vittima è il popolo. Un ultima cosa su berlusconi, non è l'unico colpevole, ma è uno dei colpevoli.

    Report

    Rispondi

  • encol

    17 Luglio 2012 - 06:06

    E' chiaro che rimandare gli incontri al 12 di settembre significa fare man bassa fino a quella data e forse anche dopo. Il pallino della germania di sottomettere l'italia trasformandola nel loro Holliday-Land non è mai morto. Mah! visto come vanno le cose, da ogni punto di vista , e se ce la pagano bene.........

    Report

    Rispondi

  • nevenko

    16 Luglio 2012 - 22:10

    le figurine le lascio guardare a quelli come Lei.Si capisce che Lei è un assiduo lettore del Fatto Quotidiano,un giornaletto intriso prevalentemente di maldicenze talvolta gratuite e di gossip.Buona lettura.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog