Cerca

Il dopo Napolitano

Al via la corsa per il Quirinale
Otto sui blocchi di partenza

Prodi prova a vestire i panni del padre nobile, Monti tirerà fuori la carta del senatore a vita

Tra i più agguerriti c'è Casini, ma anche Emma Bonino e Massimo D'Alema. Outsider Pisano e Amato. Letta in pole position
Romano Prodi

 

Sui blocchi di partenza ci sono otto concorrenti. No, non stiamo parlando di una gara delle Olimpiadi, ma della corsa per il Quirinale visto che il settennato di Napolitano sta scadendo. Subito dopo le elezioni il Parlamento sarà chiamato ad eleggere il presidente della Repubblica e nonostante l'esito delle urne sia ancora tutt'altro che scontato agli attenti osservatori non sono sfuggite le tattiche già messe in campo dagli aspiranti al trono per cercare consensi e tessere quelle relazioni necessarie per l'investitura.

Uno dei più accreditati, secondo il Giornale, è Mario Monti visto che può vantare una nomina a senatore a vita che assomiglia molto a un credito da riscuotere, a una promessa di successivi incarichi se non venisse riconfermato presidente del Consiglio o numero uno della Commissione europea. Un altro che aspira a salire sul Colle è Pier Ferdinando Casini. Le ultime amministrative gli hanno chiaramente dimostrato che Palazzo Chigi è tutt'altro che espugnabile e allora si consola con il sogno del Quirinale al quale pensa di arrivare mettendo sul tavolo i voti che riuscirà a prendere alle prossime Politiche: è per questo che sta lavorando per un governo di grandi intese coinvolgendo anche Massimo D'Alema, che si è bruciato la candidatura nel 2006 (ma non è detto che rinunci alle sue ambizioni) e perfino l'amico/nemico Silvio Berlusconi. 

Casini se la dovrà vedere comunque con un agguerritissimo Romano Prodi che sta tentando, come fa notare Fabrizio De Feo, di "costruirsi un profilo diverso, parallelo e distante dalla politica attiva, tra incarichi in istituzioni internazionali e occasionali lezioni universitarie in Cina e negli Usa. Un cambio di abito per infilarsi nei panni del padre nobile e diventare così digeribile presso aree politiche e culturali a lui ostili". In questi ultimi mesi, potrebbe poi tornare di attualità la campagna dei Radicali datata 1999 "Emma for President". La Bonino non ha mai nascosto le sue aspirazioni: "Io al Quirinale? Mai dire mai nella vita", ha ammesso. Al contrario Giuseppe Pisanu nega: "Io al Colle? Sorridiamoci amichevolmente tutti". Secondo il Giornale, il suo profilo di berlusconiano critico e filomontiano, molto apprezzato a sinistra potrebbe regalargli qualche atout da giocare. Poi c'è Giuliano Amato che provò il brivido dell’illusione nel 2006 e non ha certo rinunciato a farsi incoronare Presidente della Repubblica. 

Se è vero, come diceva Andreotti, che per la scalata al Colle, "non c'è alcun metodo da seguire, solo errori da non commettere", allora in pole position c'è Gianni Letta, il grande mediatore, che ha dalla sua la stima di tutti nelle istituzioni. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tommaso43

    01 Dicembre 2014 - 20:08

    dovrebbero fare tutti la corsa per una buona sedia a rotelle.

    Report

    Rispondi

  • apostrofo

    30 Novembre 2014 - 12:12

    Ma la Merkel che dice ? Il PD si consulterà sicuramente con lei. L''Angela vorrebbe la poltrona della BCE per piazzarci un crucco e completare l'occupazione delle posizioni che contano in Europa. Quale occasione migliore di piazzare Draghi alla presidenza della Repubblica Italiana ? Serio rappresentativo, apolitico ed esperto di conti e di ... Europa. Solo, peccato perderlo alla BCE !

    Report

    Rispondi

  • lsantus

    06 Luglio 2012 - 18:06

    assolutamente no a monti!!!!!!!!No massimo dalema amato prodi e comagnia cantante!!!il popolo è sovrano noi dobbiamo scegliere il presidente della repubblica al fine di non averne un'altro come l'attuale o peggio!!! i nomi sopraelencati Mi fanno VOMITARE

    Report

    Rispondi

  • gioch

    05 Luglio 2012 - 15:03

    ...che detesto le parolacce e le offese personali.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog