Cerca

Supertpoteri felini

Curarsi con i gatti

Se ci giochi passa il mal di testa, se li coccoli addio artrite e insonnia

Curarsi con i gatti

I gatti pensano? Moltissimo. Sognano, fanno progetti, ricordano. Se ne stanno immobili per ore ma in realtà non dormono e sono attenti  a tutto quello che succede.  Certo, il gatto è un animale complicato. Gli scienziati li hanno studiati a lungo e hanno scoperto  cose straordinarie, soprattutto sulla loro intelligenza. E poi essere amico  di un gatto  vuol dire tenere conto di moltissimi aspetti: la loro curiosità, la delicatezza, l’istinto, la loro indipendenza. Del fatto che sono permalosi, schizzinosi e riservati  e che  detestano i rumori forti. Insomma ci sono almeno mille cose da conoscere, anzi  1001 cose da sapere e da fare con il tuo gatto  come recita il titolo del libro  di  Roberto Allegri (Newton Compton Editori, 19,90 euro). Che sulla tigre  in miniatura ha scritto un’enciclopedia dove  spiega esattamente perché tra le più alte intelligenze del regno animale c’è sua maestà il gatto. Possiede un cervello molto simile al nostro in quanto  a funzione e struttura. E qui la sorpresa: secondo gli esperti è molto più facile dialogare con il gatto che con il cane. Gli studi più recenti dimostrano che, se il padrone di un micio impara  a comprendere  il sottile linguaggio  del suo animale, i due saranno in grado di sostenere  conversazioni ad alto livello. Questi piccoli felini  hanno elevate capacità di apprendimento, possono diventare molto utili ai portatori di handicap: sono in grado di svolgere  incarichi  domestici. E contrariamente a quello che si pensa  sono facilmente addestrabili, riescono a imparare anche compiti complessi, come  portare al supermercato la lista della spesa.    

Avevano ragione  gli antichi egizi che  ritenevano il gatto  dotato di poteri magici.   Dai più banali come vedere al buio o lanciarsi da grandi altezze senza farsi male  (cade sempre in piedi) al potere di prevedere la pioggia: si dice che durante le operazioni di pulizia  se si passa  le zampine  sopra le orecchie, la pioggia è in arrivo.  Al  superpotere   delle fusa: più sono irregolari più  danno piacere all’animale. Ma la novità è che pare facciano bene anche a noi. Sono benefiche per la nostra salute. Quando accarezziamo il micio  e lui emette sonoramente le fusa ci stiamo sottoponendo  a una  seduta terapeutica, degna del migliore fisioterapista. Le fusa infatti avrebbero un forte potere  curativo e sarebbero in grado per esempio di  portare giovamento alle persone che soffrono di dolori reumatici. Recenti studi hanno dimostrato che con  le fusa il micio emette delle microonde con un campo di frequenza che varia tra 1,5 e 6 gigahertz. Si tratta della stessa banda di frequenza delle microonde  che vengono usate  nelle terapie contro l’artrite.  Insomma tenere il gatto sulle ginocchia davanti alla tv è ottimo soprattutto per le persone anziane. 

Che il gatto  sia un valido rimedio contro l’ansia, lo stress e la depressione si sa, ma che la sua sola presenza sia più efficace di un sonnifero  questa è davvero una novità. Lo conferma uno studio  durato cinque anni: i gatti migliorano la salute psicofisica dei loro proprietari.  Chi ha un gatto lo sa bene quanto sia più facile addormentarsi  accanto al proprio micio arrotolato su se stesso. E ancora: giocare con un micio  risulta estremamente efficace per la cura  delle cefalee nei bambini e negli adolescenti.  I gatti, come i cani, sono in grado inoltre di riconoscere i sintomi di una crisi di epilettica ore prima che questa avvenga.

Vivere con un gatto allunga la vita, neanche a dirlo. I suoi poteri curativi - ancora da scoprire  completamente  - risiedono anche nel fatto che è un animale  esperto nell’arte di appagare il nostro senso del tatto che, a detta dei medici, è di capitale importanza. Altro che Spa e centri di benessere. Ogni volta che il nostro amico a quattro zampe  si strofina contro di noi,   lo accarezziamo, la pressione sanguigna e il ritmo cardiaco diminuiscono e la tensione nervosa scompare. Gli stessi risultati si ottengono con settimane di esercizi di rilassamento  e meditazione. Meglio l’amico peloso.

di Daniela Mastromattei

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • coltre

    29 Giugno 2013 - 23:11

    mi interessa molto e come si puo fare un corso su questo

    Report

    Rispondi

blog