Cerca

Prof bocciato

Draghi piccona Monti: "Basta tasse, serve crescita"

La ricetta del presidente Bce: i governi siano più ambizioni e puntino allo sviluppo

Draghi piccona Monti: "Basta tasse, serve crescita"

 

 

Più coraggio, meno tasse. Ecco la ricetta del presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, per provare a uscire dalla recessione. Draghi ha detto che non si può portare avanti il consolidamento dei conti soltanto attraverso l'aumento delle tasse, il che ha un effetto recessivo, ma bisogna anche ridurre la spesa pubblica. "Il consolidamento fiscale attuato solamente sulla base dell’aumento delle tasse è sicuramente recessivo," ha detto Draghi durante un’audizione al Parlamento europeo a Bruxelles, aggiungendo che è invece necessario portare avanti una riduzione delle spese. "In condizioni di urgenza ed estrema tensione si aumentano le tasse perchè è più facile aumentare le tasse che ridurre le spese," ha ammesso Draghi, mettendo in guardia però dal rischio di effetti recessivi sull'economia.

Ambizione e coraggio L'Europa è «sulla buona rotta» ma «forse nella fase più difficile. Il consolidamento dei conti pubblici è stato avviato ma ancora non ne vediamo i benefici» ha detto Draghi, siamo in mezzo al guado che stiamo attraversando». «La sola risposta per uscire dalla crisi è perseverare, e per quanto riguarda la Bce significa «creare un ambiente favorevole a questo processo». «I governi europei devono essere più ambiziosi sulle riforme per favorire la crescita e l'occupazione» ha rilevato Draghi precisando però che lo sviluppo non arriva solo dalle riforme, peraltro alcune hanno effetti nel breve termine ma altre nel medio e lungo periodo. La crescita è determinata anche dal livello dei tassi di interesse che è a livelli storicamente bassi e dalla domanda globale che rimane sostenuta.

Reazione delle Borse Le borse europee volano sulla scia delle parole del presidente della Bce, Mario Draghi, che ha sottolineato come la situazione dei mercati sia migliorata pur restando l’incertezza sulla ripresa.   Milano e Madrid sono le migliori in Europa con progressi rispettivamente del 2,83% e del 2,74%. Londra guadagna lo 0,41%, Parigi avanza dell’1,72%% e Francoforte sale dell’1,40%. 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beatles14

    27 Aprile 2012 - 23:11

    sono colpevoli dello scempio di Monti. Per quanto mi riguarda sono morti: non li voterò mai più. Come non voterò chi parla delle "bellezze dell'Europa". Se fossi in Francia voterei la Le Pen poi guarderei se mantiene le promesse...diversamente non le darei una seconda possibilità come ho fatto con Silvio. Che scema sono stata!

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    27 Aprile 2012 - 15:03

    Io credo che anche un cane di ragioniere o un cafone contadino sa perchè lo vive sulla propria pelle di aver ottenuto dopo il rifiuto della propria banca,un prestito per sopravvivere al Taeg di 30,84,secondo voi per fare la crescita la Bbe di Draghi regala i risparmi del Popolo dell’Ue a soli l’1%?È notorio per chi ha una cassetta postale o casella e-mail di quanta pubblicità spam arrivi di proposte di prestiti come l’altro ieri una banca Tedesca,mi offriva prestiti a soli 9,41%,in altre parole,10 volte superiore a quando concesso dalla Bbe.In poche parole,questi soloni pensano che col sistema di carità di promuovere la crescita od avere più fallimenti di Società e depressione con più morti sulla coscienza senza avere problemi, né gli uni,né gli altri,problemi di coscienza e giudiziari?In poche parole,come“Re George”e l’Anm,uno irresponsabile per Legge,gli altri lo pretendono per iscritto che d’essere immuni ai propri errori? Insomma,immuni ai propri errori di Giustiziasmo ed incapaci

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    25 Aprile 2012 - 19:07

    Draghi piccona Monti: "Basta tasse, serve CRESCITA" ma Monti non se lo fila per niente e risponde a stretto giro di posta: " ... è di una SUPER-IMU che ne dici?"

    Report

    Rispondi

  • voghera51

    25 Aprile 2012 - 18:06

    to se nè accorto anche il sig. Draghi. ma comunque per Monti sono parole al vento continuerà a demolire la classe media. A. B. e C. lo appoggeranno fino al 2013 non hanno alternative e sopratutto le palle. spero che gli Italiani ( non certo i cattocomunisti)ne tengano conto quando andremo alle urne.

    Report

    Rispondi

blog