Cerca

I dati di confcommercio

Consumi, mai così giù dal 1946
L'Istat lancia l'allarme retribuzioni

Consumi, mai così giù dal 1946
L'Istat lancia l'allarme retribuzioni

 

Ancora dati negativi sul fronte dell'economia, in particolare dei consumi. "Il 2012 dovrebbe presentare la peggiore variazione negativa della spesa reale pro capite della storia della Repubblica (oltre il -3%)": è la stima di Confcommercio, che spiega come tra il terzo trimestre del 2007 e il secondo trimestre di quest’anno i consumi procapite degli italiani sono diminuiti in termini reali del 6,5%. All’interno di questo perimetro fortemente recessivo, solo pochissimi settori di spesa (la telefonia e l’informatica) e solo un canale di distribuzione, il discount, tengono i livelli di fatturato reale del 2011. Nei primi sei mesi del 2012, infatti, la grande distribuzione nel complesso ha registrato in termini tendenziali un modesto incremento (+0,1%), contro una flessione del 2,6% del fatturato delle imprese operanti su piccole superfici. A tenere un profilo di crescita più dinamico nei primi 6 mesi dell’anno sono solo i discount (+1,8%) ed i supermercati (+1,4%). E’ del tutto evidente che al netto di un’inflazione di poco superiore al 3%, il potere d’acquisto del sistema commerciale si sia ovunque ridotto.

Ripercussioni sui negozi Crisi e calo dei consumi si ripercuotono sui piccoli esercizi al dettaglio il cui stock, pari a poco più di 757mila unità nel 2011, mentre cresce quello dei discount (+1,8%) e dei supermercati (+1,4%); Molise (-1,9%), Friuli Venezia Giulia (-1,1%) e Liguria (-0,9%) le regioni che, nel complesso, registrano le maggiori "perdite" di esercizi; tra i comparti merceologici, spicca l’aumento nel settore delle apparecchiature informatiche e telecomunicazioni (con un +2,6% di esercizi), mentre si conferma lo stato di difficoltà dei negozi di mobili e arredamento che si sono ridotti dell’1,3% con punte di quasi il 2% al Sud e nel Nord-Est; prosegue lo sviluppodi  minimercati e supermercati che aumentano prevalentemente al Centro e al Sud e ipermercati e grandi magazzini in espansione al Nord; rilevante, nel sistema distributivo italiano, il ruolo di altre tipologie di vendita che hanno raggiunto ormai un elevato livello di diffusione, come il commercio ambulante (oltre 175 mila imprese di cui quasi la metà al Sud), le imprese di e-commerce (+19% rispetto al 2010), e la vendita attraverso i distributori automatici (oltre 2 milioni di macchine installate in Italia).   Confcommercio spiega che "gli effetti della forte e duratura contrazione della domanda si sono tradotti in un mutamento radicale delle quote di mercato, a detrimento dei negozi tradizionali e a favore del discount che ha raggiunto una quota di mercato, in termini di fatturato, pari a circa il 10% sul totale dei consumi alimentari, delle spese per la persona e del chimico casa". Quindi, "tutto ciò conduce al ridimensionamento, lento ma inesorabile, dei negozi che animano i tanti centri storici del nostro paese. non è un fenomeno fisiologico di selezione dei migliori, che avrebbe riflessi positivi sulla produttività aggregata, ma è evento patologico, che affonda le radici nella crisi dei redditi e nella conseguente riduzione dei consumi delle famiglie".

Allarme retribuzioni  Dall'Istat arriva invece l'allarme retribuzioni. In assenza di rinnovi la crescita annua dell'indice delle retribuzioni contrattuali da gennaio 2013 crollerebbe, attestandosi allo 0,9%, t in base alle proiezioni dell'indice. Infatti, per la fine di dicembre 2012 sono in scadenza gran parte dei contratti dell'industria. Ad agosto, la quota di dipendenti in attesa di rinnovo si riduce dal 29,7% al 29,0%.. I mesi di attesa per i lavoratori con il contratto scaduto sono in media 32,1 in deciso aumento rispetto ad agosto 2011 (20,4). L’attesa media calcolata sul totale dei dipendenti è di 9,3 mesi, anch’essa in crescita rispetto a un anno prima (6,8). 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Caninforato

    28 Settembre 2012 - 16:04

    Quello che sgomenta non è la pochezza intellettiva di tanti troppi cianni, piccioni, marc1927, encol ecc. ma quale sia il potere di condizionamento del bombardamento mediatico (tipo: Prodi ci ha rovinato) sulle masse, poco acculturate, di milioni di pensionati e casalinghe, di cui i vari piccioncini & c. sono solo la punta dell'iceberg. E qua la responsabilità dei giornalisti di Libero è grande.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    28 Settembre 2012 - 09:09

    Il risultato é questo sotto i nostri occhi. Non c'entra l'euro, l'UE, Monti. La responsabilità ricade su chi per tre anni non é stato in grado di aprire gli occhi. Lo sapevano tutti che si andava verso la crisi, salvo Tremonti e Berlusconi. Ora la crisi sarebbe per l'Italia meno dura. Ricordate? '' i ristoranti sono pieni, gli stadi anche''- ''consumate, comperate titoli ''-''la crisi é già alle nostre spalle (doveva dire 'palle') Grazie, Silvio, morituri te salutant. E, con tinuando con il latino ''unicuique suum' (a ciascuno il suo) bisogna dirlo a Don Silvio: a lui un solo voto: il suo.

    Report

    Rispondi

  • piccionesecco

    28 Settembre 2012 - 08:08

    Anche su questo giornale tocca leggere commenti cretini che incolpano Silvio di aver governato male, quando in realtà non lo hanno lasciato lavorare i komunisti annidati in tutte le Istituzioni, aiutati dalle toghe rosse che lo spiavano dal buco della serratura, e che gli hanno impedito di far approvare la Legge sulle intercettazioni che imponeva il carcere ai giornalisti che le pubblicano ecc. ecc.

    Report

    Rispondi

  • icewall

    27 Settembre 2012 - 22:10

    Berlusconi, come tutta l'ensemble politica di DX e SX ha campato più che dignitosamente per un anno scodinzolando servilmente al cospetto nel "grande" tecnico e della sua compagine di guastatori. Ora, come d'incanto, a due o quattro passi dalle elezioni, gioca d'anticipo confidando nella proverbiale poca memoria dell'italiota medio per convincerlo che IMU, tassaglia varia ed ignobile riforma del lavoro siano state votate senza il suo appoggio. Il gonzo sicuramente ci cascherà, ma il cittadino informato, disincantato e razionale saprà bene come comportarsi in cabina elettorale...nessun politico oggi come oggi rappresenta nessun italiano: è troppa la falsità, l'ipocrisia e la convenienza perpetrata ai nostri danni: i politici si nustrono dei nostri voti. Tagliamo loro i viveri. Una volta per tutte.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog