Cerca

Tasse senza fine

Imu, in arrivo altri superaumenti

Con le ultime delibere 46 capoluoghi di provincia alzano l'aliquota

Imu, in arrivo altri superaumenti

 

Entro mercoledì 31 ottobre quattordici capoluoghi di provincia - su poco più di cento - cambieranno le regole dell'Imu. O, ed è questo il caso di Comuni come Foggia, Frosinone, Caltanissetta, Isernia, e Reggio Calabria, li adotteranno per la prima volta. Molti Comuni si sono presi tutto il tempo a disposizione spesso per alzare fino al massimo possibile l'asticella della tassazione. Una tassa che è già, come scrive il Sole 24 Ore, a livelli molto alti in otto città: Agrigento, Alessandria, Caserta, Catanzaro, Messina, Parma, Rieti e Rovigo. A questi si aggiungono altri sei Comuni che fanno scattare lo 0,6% solo sulle abitazioni accatastate in categorie di lusso. Secpndo l'inchiesta del quotidiano di Confindustria, quasi un capoluogo su tre si posiziona nella fascia alta dell'aliquota sulla prima casa mentre solo uno su dieci sceglie la via di modeste riduzioni sotto il livello base dello 0,4%. Tuttavia i ritocchi che verranno fatti da qui a mercoledì saranno quasi esclusivamente per aumentare le aliquote. 

Difficoltà d pagamento Milioni  di contribuenti potrebbero non riuscire a pagare il saldo dell’Imu entro la scadenza fissata per il 17 dicembre prossimo. Moltissimi comuni non hanno infatti ancora stabilito le aliquote da applicare. Secondo la legge hanno tempo fino alla fine del mese per deliberare e altri 30 giorni per la pubblicazione. Ai proprietari degli immobili rimarrebbero così solo pochi giorni per calcolare e versare il dovuto. Secondo la Consulta dei Caf questa procedura "provoca ripercussioni negative e indiscutibili nell’organizzazione e nella gestione degli operatori" e per questo chiede di posticipare al 31 dicembre, "senza applicazione di sanzioni", il termine ultimo per il pagamento.

L'allarme dei Caf La Consulta dei centri di assistenza fiscale chiede anche di stabilire "un termine unico per la presentazione della dichiarazione Imu allineandolo a quello previsto per la dichiarazione dei redditi (30 settembre)" e di fissare il termine di presentazione della dichiarazione Imu "entro 90 giorni dalla data di pubblicazione del modello e delle relative istruzioni". Il tempo sta per finire, la scadenza "arriverà in un battibaleno", dice il coordinatore nazionale dei Caf, Valeriano Canepari. "La situazione è preoccupante. Per non peggiorare un clima sociale già avvelenato chiediamo solo di risolvere questo problema". Secondo Canepari i Caf saranno chiamate a gestire circa 11 milioni di pratiche nel giro di qualche settimana. "Vogliamo manifestare per tempo le criticità che si verranno a presentare perchè il legislatore possa provvedere per tempo". I Caf, spiega, "nel poco tempo a disposizione dovranno "reperire migliaia di delibere, regolamenti e capitolati esterni, inserire le aliquote nelle procedure di calcolo dopo aver risolto i dubbi interpretativi e di applicazione". 

La replica di Grilli “Le scadenze sono quelle   previste e restano quelle”. Lo puntualizza il ministro dell’Economia,  Vittorio Grilli, a margine dell’inaugurazione dell’ufficio   dell’Agenzia delle Entrate dell’Aquila. “Spero che i comuni che non   hanno deliberato lo facciano presto ma non è possibile spostare la   scadenza, altrimenti si mettono a rischio gli obiettivi di deficit”,   spiega.    Ad accogliere il ministro Grilli e quello della Coesione  territoriale Fabrizio Barca una nutrita pattuglia di cittadini che   esponevano lo striscione con la scritta "Senza lavoro, diritti,   ricostruzione. Non pagheremo i vostri debiti. L’unica soluzione è   ribellarcì firmato il 'Comitato 3.32'.  Le popolazioni del cratere sismico sono pronte allo sciopero  fiscale per protestare contro la richiesta da parte di Inps e Inail   della restituzione del cento per cento dei contributi sospesi durante   l'emergenza terremoto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    30 Ottobre 2012 - 18:06

    ...paghino quelli della Casta togata, Cost.ne o non Costituzione e arrossiscano dalla vergogna!!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    30 Ottobre 2012 - 15:03

    Classico esempio di .." me lo taglio per far dispetto a mia moglie.." e non solo, ma ti sei bevuto fino in fondo tutte le storielle messe in giro per giustificare l'esproprio forzoso in atto nel nostro paese. Classico esempio della politica portata avanti in questi anni, basta dare addosso al Berlusca e tutto va bene! Il Berlusca, la foglia di fico posta sulla infingardaggine di una intera classe politica che va da destra a sinistra passando per il centro.Il Berlusca ha toppato, ma non ha fatto nulla di più o di meno di altri governi italiani sempre così inclini alla mediocrità. Ma mi domando, durante il regno del signore oscuro, gli altri dove stavano in vacanza? Lo scalone chi lo ha cancellato? La riforma dell'Art. V chi l'ha fatta? E i vari corrotti in giro per l'Italia, sono tutti di destra? E che vuol dire che la soluzione si trova solo alzando le tasse o utilizzando la leva fiscale? Basta co ste Str...e da osteria, e usate il cervello, il vostro, invece di quello degli altri!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    30 Ottobre 2012 - 11:11

    Ma mi domando, visto che la Corte Costituzionale è stata così solerte nell'intervenire criticamente nei confronti del governo, quando ha visto lesi i "diritti" acquisiti della casta statale dirigenziale, tra cui i magistrati stessi, come può tacere ora davanti a questo scandalo? Io DEVO pagare una tassa iniqua e non so neanche a quanto ammonterà il saldo Ma che c...o di paese è quello che sopporta una porcata come questa? Hanno ragione Monti a calpestarci e la Fornero a prenderci per il c..o, siamo solo pecoroni invigliacchiti, servi della gleba con la schiena eternamente piegata. Mentre i nostri Ministri ed affini accumulano pensioni d'oro, noi lasciamo che le nostre siano ridotte al lumicino, lasciamo che ci tolgano fino all'ultimo cent per una crisi che essi hanno creato, mal gestito e ancora non risolto. e per far ciò continuano a prendersi pure degli stipendi d'oro. Qui non è più questione di destra o sinistra, qui è questione di noi e loro. Cosa vogliono, mungerci all'infinito?

    Report

    Rispondi

  • cencio

    30 Ottobre 2012 - 10:10

    IMU...rtacci loro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog