Cerca

Le lettere

Redditometro, come difendersi se il Fisco vi contesta le spese

Redditometro, come difendersi se il Fisco vi contesta le spese

Entro la fine dell’anno saranno circa 20 mila le lettere che l’Agenzia delle Entrate invierà per accertamenti sul reddito. É il famigerato meccanismo del reddittometro che scatta laddove viene rilevata uno scostamento di almeno il 20% tra il reddito accertato e quello dichiarato. Come riporta il Sole 24 ore, la lettera del fisco, gli “inviti al contraddittorio”, contiene in sintesi le spese accertate classificate in “spese certe” (dall’acquisto di un’abitazione ai trasporti, dall’assicurazione auto alle spese sanitarie) prese dall’Anagrafe tributaria, e in “spese per elementi certi” (condominio, manutenzione ordinaria, riparazione auto…).Già questi dati possono essere utili per raccogliere ogni documento in proprio possesso e dimostrare se l’accertamento risponde al vero o no.

Come difendersi - Nella lettera è già indicato dove e quando presentarsi allo sportello dell’Agenzia delle Entrate. Si può chiedere un rinvio dell’appuntamento entro 15 giorni dal ricevimento della lettera. Oltre al dettaglio delle spese elencate in sintesi, negli allegati ci sono i saldi iniziali e finali dei conti correnti e dei conti titoli, così come risultano dagli estratti conto. É qui che si può dimostrare in modo più dettagliato le proprie ragioni ed evitare di arrivare all’accertamento vero e proprio. Le disponibilità sul conto corrente, scrive il Sole 24 ore, potrebbero spiegare le spese per incrementi patrimoniali. Il peso degli investimenti potrebbe raggiungere anche tre volte il valore del reddito dichiarato, ed è qui che scatta l’anomalia da spiegare al fisco.

Carte alla mano - Il redditometro, rispetto al passato, non considera più gli investimenti dilazionati in cinque anni, il primo di sostenimento e i quattro precedenti, ma li intende solo nell’anno in cui le spese vengono effettuate. Così come riportato nel Dm economia del 24 dicembre 2012, a quell’incremento negli investimenti vanno scalati i disinvestimenti nei cinque anni precedenti e l’eventuale mutuo.

Occhio agli immobili - Nell’incontro in Agenzia delle Entrate andrà spiegato e dimostrato che, nel caso di acquisto di un immobile, non sempre viene elargito subito l’intero costo indicato nell’atto di acquisto. É possibile infatti che nel contratto preliminare fosse richiesto di pagare un anticipo, da qui la discrepanza tra i due valori. In caso di vendite di immobili o di carattere finanziario (i disinvestimenti) fatti nell’anno o nei quattro precedenti, è bene portare con sé le distinte bancarie che ne dimostrino l’entità.

Se il 20% rimane - Dimostrate le cifre relative ad acquisti di immobili, il divario del 20% tra reddito accertato e dichiarato potrebbe persistere. Non vanno dimenticati però i risparmi delle annualità precedenti, i redditi esenti, quelli tassati già alla fonte con ritenuta, senza tralasciare gli smobilizzi patrimoniali, come per esempio la vendita di un immobile. C’è anche la possibilità che la spesa contestata sia stata sostenuta da terzi, come spesso accade per i genitori che comprano una casa ai figli. In ogni caso l’avvertenza è sempre quella di conservare copia degli assegni circolari, bonifici ed estratti conto a chi ha effettuato la spesa nel mirino del controllo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • realityman17m

    02 Agosto 2014 - 20:08

    L'inquisizione ha avuto inizio con la dittatura renzi, con la dittatura PD e gli scemi italiani ancora non si svegliano

    Report

    Rispondi

  • ex finiano

    19 Maggio 2014 - 10:10

    sembra che una persona si debba difendere da chissà quale crimine commesso.......ma siamo in un paese libero? Ho molti ma molti dubbi!!

    Report

    Rispondi

  • airbaltic

    13 Maggio 2014 - 17:05

    Si tratta di estorsione fiscale. lo stato ha gia´ammazzato diverse persone ma va avanti. i mandanti meritano il tribunale dell´ Aja per crimini di guerra . uno come padoa schioppa , ministro della sinistra di prodi ( le tasse sono bellissime) dovrebbero trattarlo come Cromwell . Impiccarlo da morto !!

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    13 Maggio 2014 - 17:05

    Al di là del fatto che troverei sacrosanto l'arresto senza benefici o sconti di pena per chi evade, truffando tutti noi, cosa che si potrebbe impedire copiando quello che fanno i Paesi, mi sembra che questi cervellotici controlli prima o dopo un risultato lo otterranno di sicuro: quello di armare qualche individuo esasperato che poi sparerà a casaccio.

    Report

    Rispondi

blog