Cerca

Euroscetticismo

Euro in crisi: la metà degli italiani non ne vogliono più sentir parlare

Euro in crisi: la metà degli italiani non ne vogliono più sentir parlare

Che la luna di miele tra gli italiani e l'euro fosse finita è stato chiaro almeno dalla botta della crisi del 2007. Ma ora il clima è da valige pronte sul letto e piatti rotti secondo l'analisi basata sui dati dell'Eurobarometro dell'Istituto Cattaneo dal 2002 a oggi.

C'eravamo tanto amati - Mentre tra gli stati dell'Eurozona dal 2007 a oggi è calato solo di tre punti, dal 69% al 66%, in Italia il crollo è stato più evidente. Nel 2002 il 76% degli italiani era favorevole all'ingresso nell'Euro, molto più convinti di francesi (71%) e tedeschi (62%). Il calo è stato poi inesorabile con il primo punto basso toccato nel 2007 (63%) per arrivare al tonfo del 2013, quando solo uno su due continua a vedere bene la moneta unica europea, cioè il 53%, 23 punti in meno. Dietro di noi solo gli spagnoli che dal 2002 al 2013 ha visto crollare la fiducia nell'Euro di 21 punti.

Spaccati in due - Negli ultimi sei anni in Europa si sono formate due posizioni diverse verso l'Euro: da una parte i paesi mediterranei, dall'altra tutti gli altri stati dell'Eurozona. Nel 2007 i cittadini favorevoli in Francia, Grecia, Italia, Spagna e Portogallo erano in media il 64%. Il crollo è stato di quasi sette punti in sette anni arrivando al 57%.

L'Euro al voto - "Questo atteggiamento critico precede la campagna politica di queste elezioni europee - è scritto in una nota dell'Istituto Cattaneo, che ha fatto l'analisi nell'autunno scorso - Di questa sfiducia alcuni partiti si sono impossessati nella campagna elettorale, benché non l’abbiano generata. Il grande valore emotivo della moneta per qualsiasi cittadino e il fatto che fosse cresciuta la sfiducia nei confronti dell’Euro - aggiungono i ricercatori - ha spinto alcuni partiti (in primo luogo i partiti eurocritici come la Lega nord, il Movimento 5 Stelle, Fratelli d’Italia e in parte Forza Italia) a cavalcare questo tema e ad amplificarlo ulteriormente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imperatore.franci

    24 Giugno 2014 - 13:01

    L'Italia con l'€ non ce la farà mai ci impoveriremo sempre di più affinché l'Italia scomparirà dalla cartina G... La colpa è ns che non facciamo nulla x combattere questa classe politica tutti TRADITORI...

    Report

    Rispondi

  • fossog

    22 Maggio 2014 - 18:06

    mezza italia non vuole più l'euro ? vuol dire, come dimostrato dalle divisioni elettorali dei cittadini, che la cultura in italia è appannaggio SOLO del 50% della popolazione. Ennesima riprova di quanta ignoranza ci sia in questo paese distrutto proprio dall'ignoranza di chi ha votato, ed ancora vota, sia Pd che Pdl. Brutto a dirsi, ma se non prima non muoiono le vecchie generazioni....

    Report

    Rispondi

  • AGOUNTER

    22 Maggio 2014 - 16:04

    Solo la metà??? Con tutti gli imbecilli che ci sono in Italia, pensavo almeno il 75%. certo che gli elettori di centro destra sono forti. Sono 20 anni che prendono bastonate nel culo per non dire altro e stanno ancor ascoltando quelli che li hanno rovinati e che non hanno colpe: infatti è solo colpa dell'euro. Ma andate tutti a zappare .

    Report

    Rispondi

  • airbaltic

    22 Maggio 2014 - 16:04

    Per fortuna in Francia c e' le pen , in Grecia alba dorata , in gran bretagna ukip. Altrimenti estremisti di sinistra grillina infesterebbero questi Paesi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog