Cerca

Il cappio europeo

Il piano di Renzi : regalare all'Europa gli immobili italiani

Il piano di Renzi : regalare all'Europa gli immobili italiani

Una cosa sono le parole e un'altra sono i numeri che fotografano la condizione dell'Italia: le prime, quelle di Renzi, sono belle. I secondi, quelli sulla disoccupazione o sul Pil o sul debito pubblico, sono brutti. Bruttissimi. E il governo, al di là del blaterare, sta pensando a iniziative "radicali". Così, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Del Rio, definisce in una intervista al Corriere della Sera quanto Renzi e i suoi pensano di fare per mettere un freno al galoppare del debito pubblico. Che anche in questi mesi di nuovo governo ha continuato a crescere fino a toccare il 135% del Prodotto interno lordo. Nuovo record ogni tempo. "Curva di discesa del debito pubblico ancora troppo lenta" la definisce il braccio destro di Renzi. Ma la realtà è un'altra.

Così, spiega, bisogna percorrere una strada nuova, che non è nè improvvisata nè avventurosa, come qualcuno dice. Se ne parla da tempo, ma finora nessuno ha avuto il coraggio di fare il primo passo". Delrio non si riferisce a una ristrutturazione del debito, come accaduto in Argentina e in Grecia. "qui - spiega - se ne viene fuori solo con un orizzonte europeo più ampio". Cioè? "Cioè gli euro union bond, cioè la mutualizzazione del debito. Si crea un fondo federale europeo al quale ogni Stato conferisce un pezzo del proprio patrimonio immobiliare e non. Cioè garanzie reali che possono essere utilizzate in parte per investimenti strutturali, in parte per alleggerire il debito pubblico che potrebbe essere tagliato del 25-30%".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    01 Luglio 2014 - 23:11

    l'IDEA si chiama"mobilizzazione del patrimonio immobiliare italiano".NoN l'ha lanciata il venditore di pignatte & affini.L'ha tirata fuori dal cilindro il buon Monorchio....Chissà coma gli è venuta in testa(vuota)questa trovata...

    Report

    Rispondi

  • ohmohm

    ohmohm

    01 Luglio 2014 - 17:05

    Praticamente ssi vuole appropriare di tutti i beni del Paese più bello del mondo....e non dite che non è vero. Con la scusa degli stati uniti d'Euroap ce la stanno mettendo nel di dietro... FUORI DALL'EURO FUORI DALL'EUROPA e riprendiamoci la nostra sovranità monetaria , culturale e i nostri prodotti ...i migliori del mondo....il vino, i pomodori e le olive della Puglia, le arance della Sicilia.

    Report

    Rispondi

    • merckserena2007

      01 Luglio 2014 - 17:05

      Bravo! Tutti a zappare. Non c'e' altra speranza per gli italiani: cercare di vendere gli ortaggi,il vino e l olio d oliva per comprare un po' di petrolio per riscaldarci d inverno.

      Report

      Rispondi

  • ohmohm

    ohmohm

    01 Luglio 2014 - 17:05

    Sono educato .... Tutti quelli che si sono improvvisati economisti della prima ora hanno fallito, fuori dalle balle... Tutti quelli che siedono su quella poltrona credono di risolvere i problemi ma non fanno altro che peggiorare la situazione.....poi vanno via..loro vengono premiati e noi ce lo abbiamo nel c..o Del Rio per favore ritorna a fare il sindaco di poche persone, che è meglio......

    Report

    Rispondi

  • blues188

    01 Luglio 2014 - 16:04

    Il giornalista fa finta di non ricordare, ma la causa principe è il debito dovuto al signoraggio, nato dall'aver abbandonato la lira equivalente all'oro. Una lira = tanti grammi equivalenti. Ora che sono le banche private a stampare denaro chiedono l'interesse sulla cifra stampata. E da questo debito è impossibile uscirne. Le altre cose sono solo fumo negli occhi. E le prime vittime siamo noi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog