Cerca

Contenziosi forzati

Agenzia delle Entrate, bonus agli ispettori: più contestano, più guadagnano. Cantone e Visco: "Aggressione fiscale"

Agenzia delle Entrate, bonus agli ispettori: più contestano, più guadagnano. Cantone e Visco: "Aggressione fiscale"

Poco più di una contestazione su due con l'Agenzia delle Entrate si conclude con la vittoria del contribuente. Nei primi 3 mesi del 2014 è di 3,6 miliardi il valore dei contenziosi finiti favorevolmente per chi era stato accusato (lievemente superiore al caso contrario) e nel 2013 sono stati 250mila i ricorsi presentati contro il Fisco per accuse di evasione. Il calvario, si sa, è lungo: mesi di controlli (anche nelle aziende), incontri, convocazioni, documenti da presentare (perché l'onere della prova è a carico di chi si difende) e anche quando va bene, dopo migliaia di spese legali sostenute, per la restituzione del maltolto passano anni. 

"Una aggressione fiscale" - La solerzia degli esattori nelle contestazioni suscita un legittimo sospetto: non sarà in qualche modo legata al fatto che in base alle somme riscosse gli agenti del Fisco guadagnano un bonus extra? Malizie? Forse, ma considerando che molti contribuenti, pur di non impegolarsi in contenziosi sfiancanti preferiscono patteggiare e pagare, soprattutto quando la "multa" è limitata, il dubbio viene. Un dubbio sollevato anche da autorità in materia come Raffaele Cantone e Vincenzo Visco, i cui pareri sono stati riportati da Repubblica. I funzionari dell'Agenzia, spiega il presidente dell'Autorità Anti-corruzione e commissario Expo, "non dovrebbero avere incentivi per fare quello che è il loro dovere e per cui sono pagati comunque". L'ex ministro delle Finanze Visco si rivolge invece a Rossella Orlandi, neodirettore dell'Agenzia delle Entrate che oggi, martedì 29 luglio, debutterà in audizione parlamentare: "Spero che cambi linea rispetto al passato: pagare gli ispettori in base ai risultati più portare ad atteggiamenti molto aggressivi. Si costringono sotto ricatto gli imprenditori a fare adesioni (patteggiamenti sulle multe, ndr) in base a violazioni che in parte non c'erano o non c'erano per niente".

Più contesti, più guadagni - In effetti, se nel 2004 gli incassi da attività di controllo sono stati 2,1 miliardi e nel 2013 addirittura 13,1 miliardi, al netto di un incremento alla lotta all'evasione, parlare di aggressione fiscale non è fuori luogo. Di dati recenti sui bonus agli ispettori del Fisco non ce ne sono, l'Agenzia tace. Ma nel 2011, ultimo anno certo, la spesa nella parte fissa di retribuzione per i dirigenti di seconda fascia era di 30 milioni di euro a fronte di 25 milioni di premi variabili. Come dire: gli "straordinari" pagano bene.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cabass

    29 Luglio 2014 - 18:06

    Basta con la paura delle minacce dell'Agenzia o di Equitalia, basta con la mentalità del "pago così smettono"! Perché non smettono per niente, anzi, capiscono che siete polli che si lasciano spennare e ciclicamente ritornano... Non si deve avere paura del ricorso, perché non è vero che la Giustizia Tributaria sta dalla parte del Fisco: gli esiti dei contenziosi favorevoli alla gente lo dimostrano!

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    29 Luglio 2014 - 17:05

    a contenzioso o a soldi recuperati? perché se fosse a contenzioso sarebbe solo ridicolo se (come si sa) dell'evasione fiscale alla fine si recupera solo il 15-20%!

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    29 Luglio 2014 - 17:05

    ispettoti? sciacalli... come si fa in momenti come questi a mandare in rovina delle intere famiglie che vivono di un modesto lavoro, che spesso non li fa arrivare a fine mese...

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    29 Luglio 2014 - 12:12

    Le aziende stanno fallendo, chi resiste viene vessato, non si crea richezza con questo sistema, il sistema è messo in piedi da professoroni che non hanno mai lavorato un giorno in azienda, sono tutti slegati dal mercato, non hanno mai rischiato in prima persona, non hanno la minima idea delle difficoltà che si incontra ogni giorno.. L'ITALIA STA MORENDO grazie a queste persone.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog