Cerca

Le misure allo studio

Lotta all'evasione fiscale, l'Iva al centro: il piano del governo

Pier Carlo Padoan

Lotta all'evasione fiscale. Se n'è parlato poco, ma tra le priorità di Matteo Renzi ci sarebbe anche la battaglia al nero. Come? L'idea di fondo non è certo nuova: incrociare i dati su acquisti e cessioni per far emergere quelle differenze "patologiche" dietro a cui si nasconde l'evasione fiscale. Il piano allo studio del governo viene anticipato da Il Sole 24 Ore, che spiega come si articola il ritorno dello "spesometro". La fondamentale novità rispetto al passato è l'utilizzo dei dati che vuole fare il fisco: non più "accertare" subito i contribuenti ma piuttosto spingerli ad auto-correggersi, invitandoli a colmare i mancati pagamenti o i versamenti d'imposta insufficienti. Misura necessaria, poiché Renzi presentando la Legge di Stabilità ha spiegato che dall'evasione conta di recuperare nel 2015 la bellezza di 15 miliardi di euro, un obiettivo ambizioso.

Iva al centro - La strategia anti-nero mette al centro dell'attenzione l'Iva, poiché è nella dispersione della filiera acquisti-cessioni finali che si trova gran parte del nero che si deve recuperare. Il Ddl Stabilità varato dal governo, ora, mette nero su bianco che è proprio sull'Iva che si deve partire per rintracciare gli imponibili non dichiarati e per le altre imposte, quali Ipref, Ires e Irap. Dietro all'iniziativa c'è il lavoro di un gruppo di esperti che ha incrociato negli ultimi mesi i dati delle dichiarazioni Iva, dal quale è emerso un modello di analisi dei soggetti a più alto rischio evasione, ottenuto selezionando le cosiddette "situazioni patologiche", ossia quelle in cui lo scostamento tra acquisti intermedi e basso volume delle cessioni dichiarate lasciava intuire un caso di evasione fiscale. Il governo, però, ora vuole triplicare lo sforzo.

Punto uno - Per prima cosa, dalla matrice di elaborazione dei dati, si dovrà generare un sistema in grado di scremare gli stessi dati per una comunicazione col Fisco, concentrandosi sulle sospette evasioni. Serve dunque un indicatore che tenga conto, per quel che riguarda l'Iva, delle specificità territoriali e del differente profilo dei vari tipi di attività analizzate.

Punto due - Gli indicatori e il Fisco devono poter disporre di informazioni assolutamente attendibili. Un problema non di poco conto. Non è un dettaglio, se l'obiettivo sbandierato è quello di consentire ai contribuenti di accedere telematicamente a tutti i dati realtivi alla loro posizione tributaria.

Punto tre - Si tratta del restyling del provvedimento operoso, ossia la possibilità di autocorreggersi, allungando i tempi e riducendo a scalare le sanzioni. In parallelo sarà necessario, sottolinea Il Sole 24 Ore, un cambio di impostazione di funzionari del Fisco e contribuenti "avvisati" dell'incongruenza rilevata. Il contribuente, insomma, deve essere "invogliato" a regolarizzare la propria posizione prima di un vero e proprio accertamento. E' necessario, in soldoni, costruire un dialogo tra Fisco e contribuente, ma sarà necessario cambiare la figura percepita delle Entrate, che nell'immaginario collettivo, oggi, è tutt'altro che amica.

Altre novità - A rafforzare, infine, la strategia che pone l'Iva al centro dell'attenzione per il recupero del sommerso, arriveranno anche altre misure, tutte contenute nel Ddl Stabilità. Tra queste, in particolare, l'estensione dell'inversione contabile e pagamento diretto della Pa nei rapporti con i fornitori privati. Si tratta di strumenti iideati per ridurre le dispersioni nella catena della fatturazione, che potranno perl funzionare solo se non creeranno altre difficoltà ai contribuenti interessati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    12 Dicembre 2014 - 14:02

    Spesometro ? bene, non mi preoccupa. MA A QUANDO IL ''DELINQUENTOMETRO'' per misurare la DELINQUENZA del Milione e Mezzo di Politicanti PD e PDL sparsi in ogni comune, provincia e regione, ed Ente e Soc Pubblica e Pieghe e Piaghe di questo paese SUCCUBE dei Ladri ? NON VI PIACE il DELINQUENTOMETRO, vero ? a NY hannno capito che siamo SOTTO i Ladri, lo scrive il NYT oggi. NOI INVECE LI VOTIAMO.

    Report

    Rispondi

  • tutankamon76

    21 Ottobre 2014 - 20:08

    A Montecarlo se paghi il 60% di tasse ti dicono che sei un benefattore e ti dedicano una via, qui se paghi il 20% di tasse (una media fra Principato, Olanda, Inghilterra, Irlanda ecc) sei bollato come evasore e se possono ti mettono dentro. Non è la gente che se ne deve andare dall'Italia, è l'Italia che deve cambiare. Una aliquota giusta, TUTTO COMPRESO, è del 25%, la pagherebbero tutti, sicuro!

    Report

    Rispondi

  • contenextus

    21 Ottobre 2014 - 19:07

    Siccome io non regalo soldi ad uno stato delinquente , uno stato che spende senza sosta, uno stato che ci regala solo scandali ogni giorno, beh , io se il vantaggio che mi offre il dentista è superiore a quanto io potrei portare in detrazione , io allora pago brevi manu con convinzione e contento di aver risparmiato. Lo stato e il governo devono spendere meno. Pagare meno , e pagare tutti.

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    20 Ottobre 2014 - 18:06

    classica richiesta del dentista con fattura 500 euro senza 400 il dentista non applica nessun sconto ma abbuona solo l'aliquota iva l'italiano che con la fattura ci si pulisce il ....al mattino scuce 400 e il dentista evade. se l'italiano deducesse dal reddito l'imponibile 400 la fattura la farebbe fare e il dentista pagherebbe le giuste tasse e lo stato incasserebbe anche l'iva.troppo complicato?

    Report

    Rispondi

    • fausta73

      21 Ottobre 2014 - 17:05

      io dal dentista non accetto sconto e faccio fare la fattura. Il 20% si recupera dal '730, purtoppo molti accettano e sono responsabili anche loro

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog