Cerca

Il piano

Fisco, le nuove norme per le imprese e per le fatture

Fisco, le nuove norme per le imprese e per le fatture

Novità sul fronte Fisco per le imprese. Una bozza del nuovo piano del governo sarebbe già pronto. L’ha anticipata l’agenzia di stampa Public Policy, e quella che si preannuncia è una rivoluzione. L’elusione fiscale, il cosiddetto "abuso del diritto", quello per cui si riescono a pagare meno tasse pur senza violare nessuna norma tributaria, ma sfruttando le maglie delle regole, non sarà più un reato penale. Come racconta il Messaggero, il decreto preparato da palazzo Chigi prevede anche che, nel caso in cui ci siano diverse opzioni tributarie per l’impresa tra le quali scegliere, sia lecito utilizzare quella fiscalmente più economica.

Nuove norme per le fatture false - Ma le novità non finisco qui. Non sarà, per esempio, considerato reato penale neppure la falsa fatturazione sotto la soglia dei mille euro. Rimarrà solo una sanzione amministrativa. Così come verrà depenalizzato il reato di omesso versamento Iva oltre la soglia dei 50 mila euro. Questo punto della riforma fiscale dovrebbe servire per dare ossigeno a tutti gli imprenditori che in tempi di crisi devono scegliere tra pagare l'Iva oppure pagare gli stipendi. 

L'accertamento - C’è infine, un punto molto delicato sul quale il confronto tra governo e Agenzia delle Entrate è ancora aperto: il raddoppio dei termini di accertamento tributario. Oggi funziona così: il Fisco ha normalmente 4 anni di tempo per scovare gli evasori. Una norma introdotta quando alle Finanze c’era Vincenzo Visco, ha previsto tuttavia, la possibilità, in caso di reato penale, di raddoppiare i termini a 8 anni. Molti lessero in questa modifica la volontà di andare ad accertare chi aveva aderito al condono tombale Iva del 2002, voluto da Tremonti, dichiarato nel frattempo nullo dall’Unione europea. Cosa poi effettivamente avvenuta in alcuni consistenti casi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • g.pego@hotmail.it

    g.pego

    27 Novembre 2014 - 08:08

    Ormai non si guadagna più per cui come fa la gente ad evadere?Che pensino invece a fermare la fuga dei nostri imprenditori all'estero dove vanno a creare reddito e ricchezza ,facendo qui delle tasse più basse ed un rapporto con i dipendenti paritetico .

    Report

    Rispondi

  • gia161170

    20 Novembre 2014 - 01:01

    Ci sono tanti dipendenti pubblici e privati che hanno il doppio lavoro non dichiarato. Finamola con l'ipocrisia italiana per favore, ma chi volete prendere in giro?

    Report

    Rispondi

  • contenextus

    19 Novembre 2014 - 18:06

    E io non pago. Rimando. Intanto , se ne ho, me li tengo in tasca. Intanto, se non ne ho, non li chiedo in prestito per versare a ladri pubblici, politici e statali di ogni risma. Il risparmio è il primo guadagno. E io non verso. Non rendo la vita facile ai briganti di stato, ai privilegiati facce di bronzo, e alle clientele marce. Mi difendo.

    Report

    Rispondi

  • bruscoloni

    bruscoloni

    19 Novembre 2014 - 18:06

    E poi se la prendono con i dipendenti della Pubblica Amministrazione: gli unici che pagano le tasse in Italia

    Report

    Rispondi

    • antoniozappacosta

      20 Novembre 2014 - 17:05

      Le tasse della pubblica amministrazione sono figurativi, tutto gira intorno ai soldi che Versano i privati caro amico non documentato

      Report

      Rispondi

    • lorenvet

      19 Novembre 2014 - 19:07

      Non è vero che sono gli unici, ci sono anche tanti autonomi corretti e leali col fisco, così come pubblici dipendenti col secondo o terzo lavoro (in nero). Non si può fare di ogni erba un fascio, anche se certamente la l' infedeltà fiscale è molto forte.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog