Cerca

Nuove norme

Evasione fiscale, cambiano le sanzioni: niente carcere fino a 200mila euro

Evasione fiscale, cambiano le sanzioni: niente carcere fino a 200mila euro

Rivoluzione sulle sanzioni fiscali. La dichiarazione infedele sarà penalmente rilevante solo se l'imposta evasa supera i 200mila euro e non più 50mila euro. Come racconta il Sole 24 Ore, a differenza di quanto avviene adesso in cui la condizione congiunta per far scattare il reato di dichiarazione infedele (articolo 4 del Dlgs 74/2000) è che l'ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti a tassazione è superiore al 10% dell'importo degli elementi attivi indicati in dichiarazione, o comunque, è superiore a 2 milioni di euro. È un'altra delle novità che dovrebbero entrare nell'attuazione delle norme su abuso del diritto e sanzioni previste dalla delega fiscale (legge 23/2014).

Le nove norme - Il testo è atteso all'esame del Consiglio dei ministri la prossima settimana. Sull'abuso del diritto si va verso un'applicazione delle nuove norme per i comportamenti abusivi già commessi alla data di entrata in vigore delle nuove regole ma solo a condizione che il fisco non abbia già notificato un avviso di accertamento. Ma tra i fronti in ambito fiscale c'è anche la questione della proroga dei versamenti in scadenza a dicembre nelle aree colpite dalle alluvioni degli ultimi giorni. "La stima dell'ammontare della sospensione dei versamenti tributari per il solo periodo 10 ottobre - 20 dicembre 2014 è di circa 3 miliardi", ha spiegato ieri il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, rispondendo al question time in Aula alla Camera. "La normativa è oggetto di valutazione". Da un lato, infatti, "la cancellazione totale delle cartelle di pagamento – ha aggiunto - non solo avrebbe effetti sui saldi di finanza pubblica ma anche creerebbe disparità di trattamento con riferimento a situazioni analoghe in passato". Dall'altro, ha precisato Padoan, misure agevolative sarebbero "soggette anche alla normativa europea sugli aiuti di Stato". 

Tasse e maltempo - Per quanto riguarda, invece, gli incassi da riscossione il titolare di via XX Settembre ha precisato che "in merito all'osservazione secondo cui l'importo complessivo delle cartelle di pagamento derivanti dal mancato versamento di tasse, tributi locali e contributi previdenziali che lo Stato deve ancora incassare ammonterebbe a circa 530 miliardi, gli uffici tecnici riferiscono che a legislazione vigente si può confermare quale previsione di incasso l'importo globale di circa 7 miliardi di euro, di cui 4miliardi riferito a carichi erariali".

Provvedimenti retroattivi - Infine nel nuovo pacchetto che prepara il governo c'è anche la questione norme tributarie retroattive. Padoan ha riconosciuto che la congiuntura non favorevole ha talvolta portato a una deroga della previsione di irretroattività delle disposizioni tributarie. Ora, con la delega fiscale, "viene ribadito il principio dell'irretroattività e già il Dlgs semplificazioni fiscali "si muove in questa direzione, è il primo passo per la realizzazione di un sistema chiaro e trasparente". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • laghee

    20 Novembre 2014 - 13:01

    stamattina sono andato in Svizzera a fare il pieno di benzina (1,36688/litro) ed ho notato che il prezzo è diminuito di 20 centesimi a seguito notevole ribasso prezzo petrolio ! Quando faranno altrettanto in Italia ? da noi sono capaci solo di aumentarla quando il prezzo del barile aumenta anche di solo 10 centesimi !

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    20 Novembre 2014 - 12:12

    Per l'evasione fiscale cambiano le sanzioni? Ma perché prima c'erano le sanzioni?

    Report

    Rispondi

blog