Cerca

Imprenditori contro

Marchionne sposta la Fiat a Londra
L'Italia perde 600 milioni

La società del Lingotto che produce camion, trattori e bus in fuga per pagare meno tasse, l'affondo di Barilla contro Confindustria

Sergio Marcionne e Guido Barilla

Sergio Marchionne porta la Fiat a Londra per pagare meno tasse e Guido Barilla attacca Confindustria. Il primo sfugge a un fisco asfissiante, il secondo chiede che Confindustria torni a fare gli interessi dei produttori e non anche delle aziende di servizio. Andiamo con ordine: la società Fiat che produce camion, trattori e bus sposterà la sede in Gran Bretagna. Di chiamerà DutchCo e sarà il frutto della fusione tra Fiat Industrial e la filiale americana Cnh. Per lo Stato italiano - come scrive Nino Sunseri su Libero in edicola oggi, mercoledì 22 maggio, si tratta di un perdita di 536 milioni per imposte sul reddito e 28 milioni come Irap. Per un totale di circa 600 milioni l'anno. Insomma, una scelta di convenzienza, perché in Italia la Fiat apagas il 36%, la Gran Bretagna invece ha avviato un programma di tagli che porterà l'aliquota sulle imprese dal 30% del 2007 al 20% nel 2015. Insomma, una fuga da un regime fiscale asfissiante. 

L'affondo di Barilla - Un altro imprenditore, presidente di uno dei maggiori gruppi alimentari italiani in un'intervista al quotidiano La Stampa, si scaglia contro Confindustria. Dice: "così com'è oggi l'organizzazione non funziona: era nata per sostenere le imprese di prodotto che questo fosse l'auto, la pasta o i tessuti; adesso invece è diventata rappresentante anche di interessi contrastanti, come quelli delle aziende di servizi alle imprese e dalle utilities inciampando in un continuo e concreto conflitto di interesse". Nell'assemblea "priovata" dell'organizzazione imprenditoriale prima delle riunioni pubbliche di giovedì Barilla farà un discorso molto pesante contro Confindustria.

Lavoro e governo  - Alla Stampa fa un esempio concreto: "Per il nostro gruppo lavorare in Italia significa avere ogni anno una bolletta energetica che costa 30 milioni in più di quello che costerebbe se fossimo, ad esempio, in Francia. Soldi che potremmo investire creando anche lavoro. Ma chi rappresenta le imprese come Barilla, ossia proprio Confindustria, non può fare una battaglia per abbassare il coato dell'energia perché allo stesso tempo rappresenta anche chi fornisce energia alle aziende". Barilla è critico anche sul governo, sulla mossa di sospendere l'Imu in vista di una riforma e sui provvedimenti allo studio contro la disoccupazione giovanile: ""Incentivi, sgravi e agevolazioni servono solo in modo temporaneo e rischiano di aggravare la crisi nel medio-lungo periodo perché 'droganoi il sistema. Bisogna fare pochi ma decisivi interventi: livello di tassazione, costo dell'energia, costo del lavoro, più infrastrutture, meno burocrazia".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libero

    23 Maggio 2013 - 15:03

    Daccordo cote cheAgnelli e non Marchionne,come tutti sanno,ha privatizzato gli utili e socializzato le perdite e non e' stato il solo,vedasi ad esempio De Benedetti,ma se cio' e' avvenuto e avviene tutt'ora,la responsabilita' e' da ricercarsi anche su coloro che lo hanno sempre permesso e che hanno nome e cognome:politici da destra e sinistra ed i loro lacche' del sindacato.Ricordiamoci che ad Agnelli sono state regalate l'Alfaromeo,la Lancia e l'Autobianchi eliminata,i cui tecnici hanno portato la loro esperienza alla VW facendo nascere la Golf quando le stesse fabbriche potevano essere vendute ad altri,con beneficio per le casse dello stato.Ricordiamoci ancora come sia stato suicidato Gardini,che aveva l'ambizione di costruire un grande polo chimico italiano e allora tu,al posto di Marchionne o di un imprenditore che voglia fare impresa,resteresti in questo schifoso paese?

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    22 Maggio 2013 - 14:02

    Difendono gli interessi economici delle loro aziende, non è quello che ha insegnato e crede il Monti? I sindacati e i sinistri hanno nulla da dire sui costi dell'energia, hanno sempre invitato gli elettori a votare a favore dell'energia nucleare? Vero che in Francia e in Svizzera la gente muore per il nucleare, mentre in Italia si muore per i gas petroliferi (Vi ricordate Viareggio solo per esempio?) Il costo del lavoro in Italia è il più alto dei paesi sviluppato ma la paga reale dei lavoratori è la più bassa. Chi incassa il differenziale? Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • enio rossi

    22 Maggio 2013 - 14:02

    Bisogna parlare chiaro senza eufemismi o buonismi d'accatto. Se in Italia non si ridimensiona il potere quasi totale della cultura della sinistra, resteranno solo gli imprenditori che vivono del sussidio dello Stato. Ma forse questi non sono i veri imprenditori....Un imprenditore che deve competere sul mercato ( ed esiste solo questa scelta) non può pagare più tasse, pagare di più l'energia, sottostare ai balzelli sindacal-giudiziari e burocratici. Quindi o chiude o va al fallimento. Non c'é alcuna alternativa di tipo montiano, fassiniano o grillino

    Report

    Rispondi

  • ilcomunismohavinto

    22 Maggio 2013 - 13:01

    Caro Barilla, il motivo della bolletta energetica non è quello che lei ha detto (o lo è in minima parte); il vero motivo è la MANCANZA DI CENTRALI NUCLEARI che gli italiani hanno deciso CON UNO SCIAGURATO REFERENDUM, quindi non possono certo incolpare i politici. In Svizzera ci sono 6 centrali nucleari per 7 mil. di abitanti, come se in Italia ce ne fossero 50, ed il costo dell'elettricità è molto più basso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog