Cerca

L'annuncio a Mosca

Governo, Saccomanni: "Potremmo cedere quote di Enel, Eni e Finmeccanica"

Il ministro del Tesoro: "Per ridurre il debito pubblico via alle dismissioni, vogliamo valorizzare i nostri asset". Cedendo il meglio che ci rimane all'estero?

Governo, Saccomanni: "Potremmo cedere quote di Enel, Eni e Finmeccanica"

"Non escludo che il Tesoro possa cedere quote di società pubbliche, incluse Enel, Eni e Finmeccanica, per ridurre il debito". Lo ha detto il ministro del Tesoro, Fabrizio Saccomanni in un'intervista a Bloomberg tv. Il passaggio è clamoroso, perché quando si parlava di dismissioni (tema spesso caduto nell'oblio) nessuno aveva mai citato le tre punte di diamante della (traballante) industria italiana. Saccomanni, già al centro delle polemiche per la questione Imu e Iva, ha scelto il summit del G20 a Mosca per sganciare la bomba, un po' come fosse il piazzista che espone la mercanzia. "Come già ampiamente annunciato il governo intende valorizzare tutti i propri asset per contribuire alla riduzione dello stock del debito - spiega il portavoce del ministro -.

Esecutori testamentari? - Tra le ipotesi note, resta la cessione di immobili del demanio. "Abbiamo annunciato come una delle nostre iniziative strategiche chiave - spiega Saccomanni - l'accelerazione nelle privatizzazioni, incluse quelle immobiliari, e consideriamo anche la possibilità di ridurre la nostra partecipazione nelle compagnie controllate dallo stato". Enel, Eni e Finmeccanica, precisa però il ministro, "sono compagnie profittevoli, che danno dividendi al Tesoro e così dobbiamo considerare anche la possibilità di usarle come collaterali per la riduzione del debito". "Ci sono un po' di idee - aggiunge - che dobbiamo prendere in considerazione". "Spero - conclude - che per la fine dell’anno possiamo avere chiaro quello che veramente vogliamo fare e dunque avere una strategia complessiva che consenta un’accelerazione nella riduzione del debito". Nel frattempo, Piazza Affari (che ha aperto con un leggero segno positivo, in controtendenza con le altre Borse europee) registra i cali proprio delle tre società citate dal ministro: Finmeccanica -2,6%, Enel -1,16, Eni -0,6.

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabiou

    09 Settembre 2013 - 20:08

    ecco a cosa servivano monti e letta, a mandarci in recessione per trovare un pretesto per svendere la nostra argenteria ai loro amici dei poteri forti esteri, un pò come succese gia nel 1992 sul panfilo britannia con mario draghi

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    09 Settembre 2013 - 10:10

    bisogna mandarli a casa SUBITO, prima che abbiano il tempo di fare altri danni. Non sono in grado di gestire una roba del genere. Svenduti e sperperati i proventi dai gioielli di famiglia che rimane a garanzia del debito? le nostre due camere e cucina?

    Report

    Rispondi

  • lillo44

    22 Luglio 2013 - 08:08

    Le nostre Aziende, le poche rimaste fanno sempre gola ai ben noti privati!!!!! Ricordiamoci della grande Telecomitalia, prima di svenderla ai noti personaggi, era la Società di telecomunicazioni più importante d'Europa con le proprie Azioni a ruba, oggi fallimentari e il prorio patrimonio immobiliare scomparso!!!La vendita servita solo per tagliare il personale lavorativo e non il proprio managment!!!! E'questo che vogliono i nostri politici? Le grandi Aziende dovrebbero essere controllate dallo Stato e non svendute, visto i risultati negativi raggiunti!!!! C'è da rimpiangersi le Partecipazioni Statali visto quello che sta accadendo oggi, grazie ai soliti che ci governano da molti anni!!!! Evitiamo queste pseudo privatizzazioni se vogliamo che l'Italia riprenda il prorio cammino come ai bei tempi!!!!

    Report

    Rispondi

  • lillo44

    22 Luglio 2013 - 08:08

    Le nostre Aziende, le poche rimaste fanno sempre gola ai ben noti privati!!!!! Ricordiamoci della grande Telecomitalia, prima di svenderla ai noti personaggi, era la Società di telecomunicazioni più importante d'Europa con le proprie Azioni a ruba, oggi fallimentari e il prorio patrimonio immobiliare scomparso!!!La vendita servita solo per tagliare il personale lavorativo e non il proprio managment!!!! E'questo che vogliono i nostri politici? Le grandi Aziende dovrebbero essere controllate dallo Stato e non svendute, visto i risultati negativi raggiunti!!!! C'è da rimpiangersi le Partecipazioni Statali visto quello che sta accadendo oggi, grazie ai soliti che ci governano da molti anni!!!! Evitiamo queste pseudo privatizzazioni se vogliamo che l'Italia riprenda il prorio cammino come ai bei tempi!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog