Cerca

L'odissea dei fucilieri

Marò, l'India rinvia al 31 luglio l'udienza

Salvatore Girone e Massimiliano Latorre

Tutto rimandato al 31 luglio. Il tribunale speciale indiano che deve giudicare i due marò italiani, dopo aver preso atto che la Corte suprema ha sospeso il processo avendo dichiarato ammissibile il ricorso della difesa per sottrarre il caso alla Nia, la polizia antiterrorismo, ha aggiornato la prossima udienza. Lo hanno riferito fonti diplomatiche italiane. La decisione è stata presa in una breve udienza in cui il giudice Bharat Parashar ha ascoltato le parti e ha letto l'ordinanza della Corte Suprema che disponeva la sospensione del processo. La settimana scorsa la stessa Corte suprema aveva dato quattro settimane di tempo al governo indiano e alla Nia per presentare la loro posizione sul ricorso della difesa. Dal momento che in mezzo c'è anche la pausa estiva di due mesi, il Tribunale speciale ha fissato la prossima udienza per il 31 luglio.

Un caso politico anche in India - Intanto il destino di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone s'intreccia con la campagna elettorale in India, dove il capo del partito nazionalista ha accusato Sonia Gandhi di lassismo e favoritismo verso i due militari del suo Paese di origine. "Signora Sonia, visto che lei ha sfidato il nostro patriottismo, vorremmo sapere in quale carcere sono detenuti i due italiani", ha chiesto sarcasticamente il capo del partito Bharatiya Janata, Narendra Modi, governatore del Gujarat e candidato premier dato per favorito nelle prossime elezioni. Era stata la Gandhi, domenica scorsa, ad attaccare Modi durante un appuntamento elettorale del partito del Congresso, di cui lei e presidente e il figlio Raul il candidato alla guida del governo . "Alcuni", aveva detto Gandhi, "suonano i tamburi del patriottismo ma voglio solo appropriarsi del potere ingannando il popolo". "Per favore, non abbiamo bisogno di certificati di patriottismo rilasciati da lei", ha risposto Narendra Modi, che ha invece chiesto al governo di chiarire perchè lasciò liberi di rientrare in Italia i due marò quando questi chiesero di poter votare in patria lo scorso anno. Le elezioni in India si terranno a partire dal prossimo 7 aprile e si chiuderanno il 12 maggio. Saranno chiamati alle urne circa 814,5 milioni di cittadini. La gran parte dei sndaggi vede favoriti i nazionalisti indù, impegnati a conquistare la maggioranza dei 543 seggi della Camera bassa e la guida del gigante asiatico, laddove il Congresso potrebbe avviarsi verso la peggiore sconfitta della propria storia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attualità

    08 Aprile 2014 - 12:12

    Certe "Italiane" :Cosa non farebbero per un po' di celebrita. Addirittura non solo le puglisi, le campane si vendono per quattro soldi.ma anche le torinesi, non sono da meno- Ma da dove le venne in mente a questa "Italiana" di andare a vivere in india e sposare un beduino. (a parte i soldi) -

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    31 Marzo 2014 - 19:07

    Ricordare a sti Zulu...occhio per occhio dente per dente...

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    31 Marzo 2014 - 19:07

    Se non li riportiamo a casa IMMEDIATAMENTE andando li a riprenderceli e basta chiacchiere ....stavolta facciamo una figura di EMME davanti al mondo intero...poi ditemi come si fa a non rimpiangere Benito Mussolini

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    31 Marzo 2014 - 16:04

    Maledetti, Monti e Napolitano

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog