Cerca

Allarme globale

Terrorismo islamico: al-Zawahiri chiama alla jihad anche gli indiani

Terrorismo islamico: al-Zawahiri chiama alla jihad anche gli indiani

La Jihad si sta espandendo come una piovra. Dopo le notizie di una sua significativa presenza in Russia e in Cina (un combattente cinese è stato arrestato dall'esercito di Baghdad) ora arriva la notizia che Al-Qaeda ha lanciato un nuovo gruppo che «porterà avanti la jihad contro i nemici» nel subcontinente indiano. Ne ha dato l’annuncio il leader della rete terroristica, Ayman al-Zawahiri, in un video pubblicato online e rintracciato dal gruppo di monitoraggio di attività terroristiche Site. La nuova organizzazione, afferma al-Zawahiri nel filmato, "è il frutto di uno sforzo benedetto durato più di due anni e mirato a riunire i mujaheddin nel subcontinente indiano in una sola entità". Il gruppo, battezzato Qaedat al-Jihad, ha riferito il leader di al-Qaeda, combatterà per uno Stato e per la legge islamica nella regione, "che faceva parte dei territori musulmani prima di essere stata occupata dal nemico infedele".

Allerta - A seguito dell'annuncio, hanno riportato le emittenti tv locali, un'allerta è stata annunciata in almeno tre Stati indiani con una vasta popolazione musulmana. Il ministro dell’Interno dell'India, Rajnath Singh, ha incontrato stamattina ufficiali della sicurezza e dell'intelligence per discutere della minaccia. Il filmato, ha affermato un portavoce del partito Bjp, al governo, è "una questione di grave preoccupazione, ma possiamo essere tranquilli perché abbiamo un governo forte a livello federale". Anche se nell'annuncio al-Zawahiri ha fatto riferimento al subcontinente indiano, che comprende anche Pakistan, Bangladesh e Nepal, si crede che i commenti del leader di al-Qaeda siano diretti soprattutto all'India, Paese a maggioranza indù con una vasta popolazione musulmana. Secondo gli osservatori, negli ultimi mesi lo Stato islamico ha attirato diversi sostenitori nel Paese e ad agosto uno studente indiano è stato ucciso in Iraq dopo essersi unito ai jihadisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doberman

    04 Settembre 2014 - 18:06

    Nel bel paese sono presenti e ben radicati con un loro kaliffato , si sono rafforzati subito dopo l'entrata di B. in politica . Gli hanno dichiarato guerra totale , hanno provato molte volte a farlo fuori con tutti i mezzi ci sono quasi riusciti ma B. è sempre li.

    Report

    Rispondi

  • UNGHlANERA

    04 Settembre 2014 - 13:01

    Silvio sono tornato

    Report

    Rispondi

    • fofetto

      05 Settembre 2014 - 13:01

      Dove eri, al cesso?

      Report

      Rispondi

  • alkhuwarizmi

    04 Settembre 2014 - 13:01

    Che il pericolo costituito dalla jihad riguardi mezzo mondo non è una scoperta di oggi, bensì è noto da un'enormità di anni. Nessuno ha avuto la determinazione di opporvisi con i mezzi adeguati, che non sono il dialogo, il pacifismo, l'arcobalenismo, i medici senza frontiere, la barzelletta dell'Onu. L'estremismo islamico capisce una sola lingua, quella della distruzione. Israele insegna. Sveglia!

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    04 Settembre 2014 - 12:12

    vai vai in cina. che ti levano il sonno dagli occhi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog