Cerca

La crisi nell'Europa dell'est

La Nato mette cinque nuove basi ai confini con la Russia

La Nato mette cinque nuove basi ai confini con la Russia

Non solo sanzioni economiche. Dal vertice Nato di Newport in Galles è uscito anche il primo consistente rafforzamento delle forze dell'Alleanza altlantica in Europa da decenni a questa parte. Una strategia che va nella direzione opposta a quella della "distensione" tra Usa e urss avviata dal presidente americano Reagan già a partire dalla metà degli anni '80. A Newport, infatti, Obama e i grandi leader occidentali hanno deciso la creazione di cinque nuove basi militari a ridosso dei confini della Russia: una in ciascuno dei tre Paesi baltici: Lituania, Lettonia ed Estonia; una in polonia; e una in Romania. Ovvero in quei paesi che in una prospettiva di medio perdiodo potrebbe essere più a rischio se la politica "espansionistica" di Mosca dovesse proseguire al di là dell'Ucraina. 

Accanto alla creazione delle cinque nuove basi, i leader dell'Alleanza atlantica hanno approvato la formazione di una nuova forza di risposta rapida per contrastare eventuali minacce ad alleati. Il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, ha annunciato che sarà mantenuta una "presenza continua" nell'Europa dell'est. La nuova struttura sarà un'unità militare permanentemente in estrema allerta in grado di entare in azione subito. Nei giorni scorsi, sempre lo stesso Rasmussen aveva evocato una "forza capace di viaggiare leggera e colpire duro", una struttura in grado di "reagire in tempi rapidissimi, con tempi d'avviso davvero minimi". Un atto necessario per il cancelliere tedesco, Angela Merkel perchè "la Nato rispetta gli accordi presi con Mosca e al Memorandum di Budapest, ma la Russia ne ha violato i principi in più punti, e dunque l'articolo 5, la disponibilità di essere pronti gli uni per gli altri, ha assunto maggior significato".

Il presidente polacco Bronislaw Komorowski ha preannunciato che la nuova forza, di stanza con contingenti a rotazione in Polonia, "sarà formata da circa 5.000 soldati". Londra ha già indicato il suo impegno a partecipare con 1.000 uomini. Il primo ministro britannico David Cameron ha inoltre indicato l'impiego di 3.500 soldati con riferimento alle forze impegnate in esercitazioni Nato nei baltici e in Europa dell'Est nei prossimi due anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agosman

    08 Settembre 2014 - 09:09

    Mentre la NATO si compiace per una forza di rapido intervento di 5.000 uomini i Russi rispondono alzando la posta del 700%, spostando una parte considerevole della loro fanteria sugli aeroplani. La forza di attacco aerotrasportata sará espansa fino a 72.000 uomini con veicoli corazzati BMD-4 che possono essere paracadutati dietro le linee nemiche. E si discute anche di attacco nucleare preventivo

    Report

    Rispondi

  • snoopy49m

    07 Settembre 2014 - 18:06

    Qui si rischia la guerra. Via di fuga usata nei secoli dagli stati per mettere tutti i problemi, le crisi, le difficoltà in secondo piano. MA DOVE SONO QUEI FANTASTICI ATTIVISTI DELLA PACE CON LE BANDIERE ARCOBALENO. SI SONO AMMOSCIATI, HANNO MESSO SU FAMIGLIA? Hanno finito i soldi? Non trovano finanziatori per questa battaglia ? Non è il loro nemico di sempre che ci porta alla guerra?

    Report

    Rispondi

  • alejob

    07 Settembre 2014 - 11:11

    questa è la nuova pace che i delinquenti Americani vogliono. Tu non sei pui padrone a casa tua, tu devi esere uno schiavo dell'imperialismo Americano. La loro malattia di espansione per governare tutto il mondo deve essere fermata e poi dicono dell'Isis. Questi sono peggio e più pericolosi.

    Report

    Rispondi

  • luigin54

    07 Settembre 2014 - 04:04

    e come al solito l'AMERICA si crede padrona del mondo.forse hanno bisogno di un bello scrollo come nel recente passato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog