Cerca

False promesse

"Via dall'Afghanistan nel 2014"
Ma non è vero: resteremo lì

Dopo la morte di un altro eroe italiano, il capitano Giuseppe La Rosa, il premier Letta promette il ritiro. Che però non avverrà: ecco perché

Giuseppe La Rosa

Il capitano Giuseppe La Rosa

La 53esima vittima italiana in Afghanistan è il capitano Giuseppe La Rosa, del Terzo Reggimento Bersaglieri, ucciso da una granata lanciata all'interno del suo blindato e che, rivendicano i talebani, sarebbe stata tirata da un bambino di 11 anni (versione smentita dalle autorità afghane e da fonti militari italiane: a colpire sarebbe stato un uomo adulto). La granata è penetrata nel Lince dalla botola occupata dal mitragliere, posta sopra il veicolo, ed è poi caduta sul sedile posteriore. La Rosa si è lanciato sull'ordigno, sacrificandosi per salvare i compagni. Il ministro della Difesa, Mario Mauro, ha dichiarato: "Il suo sacrificio ci rende orgogliosi". 

Afghani impreparati - L'Afghanistan, dopo anni di guerriglia, resta una polveriera. L'intera provincia di Farah è tornata ad essere incandescente dopo il ritiro degli italiani dai distretti orientali di Bakwa e Gulistan. Il progressivo ritiro delle truppe alleate favorisce l'offensiva dei talebani, che stanno riprendendo il controllo di numerose aree occupate dalle truppe della Nato: la polizia e l'esercito di Kabul, al momento, non hanno né mezzi né l'addestramento per contrastare i terroristi talebani. 

Il ritiro - In questo contesto, in Italia, crescono le perplessità sul nostro impegno militare. Non solo a sinistra. Maurizio Gasparri, per esempio, ha dichiarato: "Dobbiamo interrogarci sulla possibilità che in luoghi come l'Afghanistan pace e democrazia risceano ad affermarsi. Abbiamo pagato e paghiamo anche oggi un tributo pesante senza certezze sul futuro di quelle terre". In settembre il contingente italiano si ritirerà anche dalle basi di Farah e Bala Boluk, concentrando le sue forze a nord, tra Herat e Shindand. Entro fine anno i nostri militari verranno ridotti da 3mila a poco più di 2mila. Il premier, Enrico Letta, ha dichiarato: "Occorre fare il massimo per la sicurezza dei soldati, ma non si pone il problema dell'uscita dall'Afghanistan, già fissato nel 2014". 

Ma resteranno lì... - Ma la promessa del premier è vana. Infatti gli italiani resteranno in Afghanistan. La presenza militare si sviluperrà anche dopo l'anno prossimo con la missione addestrativa chiamata "Resolute Support", approvata pochi giorni fa dalla Nato. Si tratta di un nuovo impegno militare, che costringerà gli italiani a restare nell'Ovest dell'Afghanistan con un contingente la cui entità non è ancora stata definita, ma che dovrebbe contare tra le 600 e le 800 unità. In buona parte si tratterà di consiglieri militari, proprio come era il capitano La Rosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • primoguido

    10 Giugno 2013 - 09:09

    ...è vero che un contingente di militari resterà anche dopo il 2014 e come non potrebbe essere così siamo ancora in Iraq,in Bosnia, in Kosovo ecc..; è inesatto che il capitano LA ROSA fosse un consigliere militare. Verificare meglio chi fornisce certe informazioni.

    Report

    Rispondi

  • primoguido

    10 Giugno 2013 - 09:09

    ...è vero che un contingente di militari resterà anche dopo il 2014; è inesatto che il capitano LA ROSA fosse un consigliere militare. Verificare meglio chi fornisce certe informazioni.

    Report

    Rispondi

  • drjekill

    09 Giugno 2013 - 21:09

    con questa storia degli eroi. Eroi di che ? Sono eroi solo quelli che muoiono ? Sono volontari ben pagati che accettano un mestiere ad alto rischio. Se no andavano a fare i postini.

    Report

    Rispondi

  • Ronin59

    09 Giugno 2013 - 18:06

    Ritirassimo i soldati da Farah e li mandassimo in giro per Milano,Roma, e tutte le nostre povere città dove stranieri ammazzano,violentano e spacciano? Negli anni 60 i negri americani si vantavano di rifiutare la guerra in Vietnam al motto"nessun viet mi chiama sporco negro i miei nemici sono i bianchi qui" ed erano eroi.. Se dico che gli afgani non mi hanno fatto niente ma gli extracomunitari di tutte le razze venuti qui a delinquere sono i miei nemici, la Kienge,Boldrini e c. che non piangono una lacrima sul povero Capitano La Rosa, mi daranno del razzista???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog