Cerca

La fiera delle vanità

G8, promesse e aria fritta: basta, aboliamolo

G8, promesse e aria fritta: basta, aboliamolo

Ce chi ne fa questione di etichetta, d'immagine, di bon ton. Al G8, festa dei potenti del mondo, i suddetti potenti devono recarsi in abito formale, in giacca e cravatta. Non inganni il contesto bucolico in Irlanda del Nord, sottolinea il Giornale: l'occasione è seria, non siamo ad un Aspen qualunque (e un po' troppo casual), e dunque meglio avrebbero fatto Obama, Cameron, Putin e compagnia a darsi un tono. In fondo, le cafonate non si addicono ai leader mondiali.

Il problema, naturalmente, è un altro e ben più grave. E non riguarda, come un po' demagogicamente si ripete, il "costo" di questi summit esclusivi o presunti tali. Basta pensare che, sotto il pressing della crisi, il padrone di casa Cameron ha deciso di ospitare sì delegati e giornalisti nella blindatissima contea di Fermanagh, ma a spese loro: 1.200 euro per i primi, 600 per i secondi. Spiccioli, si dirà, ma proprio come per la camicia slacciata sono sintomi, o forse segnali lanciati all'indirizzo di un'opinione pubblica sempre più disillusa (o inferocita). Eccolo, però, il punto: i G8 forse per necessità vivono sempre più e soltanto di simboli, segnali, slogan. Gli ultimi, in ordine di tempo, sono "lotta all'evasione fiscale" e "politiche per i giovani". Sarà che siamo italiani, e che questi proclami ronzano tra microfoni e giornali senza sosta da anni, ma il dubbio è legittimo: ci si può fidare di un consesso di "leader" non in grado di prendere, in alcuna sede istituzionale, una posizione condivisa sulla crisi, sia essa economica, politica (la Turchia), militare e umanitaria (la Siria). Le tre T (taxation, transparency, trade) nascondono numeri reali e non facilmente percepibili dai "non big": per esempio, i soldi "nascosti" nei paradisi fiscali oscillano tra i 20.000 e i 32.000 miliardi, di cui 12.000 in Europa (dal Lussemburgo ad Andorra), mentre secondo il Tax Justice Network sono 3.000 i miliardi di dollari sottratti al fisco. Sarebbero invece 160 i miliardi di dollari di tasse che le grandi multinazionali negano ai Paesi in via di sviluppo. La battaglia degli "spioni globali" avrebbe anche un senso. Peccato che mentre Obama, Letta e Merkel sorridevano e annunciavano la rivoluzione, il Parlamento della Svizzera (per la precisione il Consiglio Nazionale, la Camera bassa) abbia bocciato l'intesa con gli Stati Uniti sul segreto bancario. La risposta alla domanda posta pocanzi, allora, è quasi scontata: cravatta o no, i G8 sembrano sempre più una fiera della vanità, una sfilata di buone intenzioni dentro una cupola di vetro, mentre fuori il mondo brucia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    19 Giugno 2013 - 20:08

    questo è il G8.

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    19 Giugno 2013 - 18:06

    belle vacanze di lavoro il buco con il nulla intorno.solo vaniloqui bla bla ottimi ptopositi che nessuno metterà in pratica. insomma ogni g 8 è un patrimonio gettato al vento. per dire tutto come prima. i paradisi fiscali? una balla . sono loro che fanno il doppio gioco li combattono ma *dopo* aver fatto fruttare il gruzzoletto al riparo da occhi indiscreti. intanto in italia abbiamo l'INFERNO fiscale nessuno se ne è accorto? e tanto meno a sinistra? le leggete le buste paga? come fa a non essere a carico una persona con 2816 euro annui 237 euro mensili!!!! prima di guardare ai paradisi fiscali guardiamo in casa nostra. in francia una moglie che lavora è considerata praticamente a carico il reddito dei due comiugi è diviso per due poi si paga il 5,5%,avete letto bene! dopo i 5963 euro. insomma NESSUNO CHE PONGA FINE A QUESTO SCONCIO LA FRANCIA E' UN MEZZO PARADISO FISCALE PER LA FAMIGLIA.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    19 Giugno 2013 - 17:05

    quando una persona inizia un ragionamento con la domanda “Chi ha cominciato a far nascere il debito pubblico?” Non merita risposta. Lascia perdere questo argomento, pensa ad altre cose più alla tua portata, come ad esempio l’esercito della libertà. Preparati, perché nei prossimi giorni il tuo condottiero avrà bisogno anche del tuo aiuto. Cerca di comportarti da donna eroica nelle ultime battaglie della guerra dei 20 anni. Potresti farlo innamorare di te, BANANAS!

    Report

    Rispondi

  • mab

    19 Giugno 2013 - 17:05

    dopo anni ed anni di inutili vertici, considerato che le cose peggiorano sempre più, meghlio consigliare a queste ciabatte di starsene a casa loro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog