Cerca

Affare internazionale

Caso Ablyazov: quattro funzionari rischiano il posto

Caso Ablyazov: quattro funzionari rischiano il posto

La storia dell'espulsione di Alma Shalabayeya, moglie del dissidente kazako Andrian Yelemessov, rischia di travolgere l'esecutivo. A ben guardare, però, più che il ministero dell'Interno Angelino Alfano, sono i funzionari che si sono occupati materialmente della vicenda ad essere sulla graticola e a rischiare il posto. D'altronde Enrico Letta è stato chiaro: "Chi ha sbagliato deve pagare", ha dichiarato. Premesso che Emma Bonino non poteva agire altrimenti, poiché non competente sulle espulsioni, come rivela il Corriere della Sera, sono sempre più consistenti le indicazioni secondo le quali nemmeno Alfano fosse al corrente della vicenda. 

I 4 funzionari sotto 'preocesso' - Intanto il fascicolo è passato nelle mani del capo della Polizia Alessandro Pansa, che ha il compito di accertare le eventuali responsabilità della catena di comando. Il giallo dell'espulsione della Shalabayeya dovrebbe essere definitivamente risolto tra un paio di giorni. A rischiare il posto sono il capo di gabinetto del ministro dell'Interno, Giuseppe Procaccini, che incontrò l'amabsciatore kazako e diede il via al blitz nella villletta di Casal Palocco. Nella stessa situazione si trova Alessandro Valeri, responsabile segreteria di Pansa. Sotto la lente d'ingrandimento c'è poi il comportamento del questore di Roma Fulvio Della Rocca e, infine, il funzionario che materialmente ha apposto la firma sul decreto d'espulsione. 

Alfano: "Lo seppi dalla Bonino" - Il 27 maggio Procaccini, dopo aver ricevuto la richiesta d'arresto da parte dell'amabsciatore kazako, affida il caso al prefetto Valeri. Ad Alfano, riferiscono fonti del ministero dell'Interno, fu detto che si trattava, genericamente, di un latitante. Tesi sostenuta dallo stesso Alfano che, da giorni, ribadisce come "fu Emma Bonino ad informarmi dell'avvenuta espulsione della signora Shalabayeva e io chiesi subito chiarimenti a Pansa", che a sua volta, a danno compiuto (cioè il 3 giugno), sollecita una relazione del questore. La posizione più delicata è proprio quella del questore Della Rocca, a cui viene contestata la gestione dell'intera operazione, accusa da cui si difende affermando mettendo sul piatto alcune note dell'Interpol che evidenziano come sulla testa di Ablyazov pendesse una mandato di cattura internazionale. 

Perché poteva non sapere - A scagionare Alfano è, indirettamente, lo stesso Valeri, a cui come detto fu affidata da Pansa l'intera pratica, che spiega come la procedura sia partita dal Gabinetto del ministro dell'Interno, per cui non necessariamente Alfano ne fosse al corrente. Insomma, l'intera catena di comando che ha portato all'espulsione della Shalabayeya rischia di saltare. Dal canto suo, Alfano si dice sereno: "Io ho chiesto una relazione in tempi rapidissimi al capo della Polizia — ha spiegato ieri Alfano ai collaboratori — e in base a quella ricostruzione dei fatti agirò. Voglio parlare con le decisioni". E ha concluso: "Appena informato - assicura Alfano - ho compiuto i passi necessari per avere la certezza che la signora fosse al sicuro. Il nostro scopo è farla tornare in Italia". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ansimo

    16 Luglio 2013 - 23:11

    cosa non si fa per fare carriera

    Report

    Rispondi

  • vincentvalentster

    16 Luglio 2013 - 08:08

    Impossibile che un Capo di Gabinetto esperto non riferisca al suo Ministro le cose importanti che accadono in sua assenza. Ed è almeno improbabile che successivamente, tra Procaccini, Valeri, Della Rocca, Interpol e Criminalpol, cioè tutto lo sviluppo della vicenda, sia passato tranquillamente sotto silenzio e sopra la testa del Ministro, prima che la Bonino, come dice, il 2 giugno sollecitasse l'attenzione del Ministro Alfano.

    Report

    Rispondi

  • Alessio_qi

    16 Luglio 2013 - 08:08

    - Abbiamo, per sua stessa ammissione, un Ministro degli Interni che per un mese non è stato informato di quanto accaduto tra il 28 ed il 31 maggo dal suo stesso Capo di Gabinetto. In un paese normale dovrebbero saltare entrambi. - Abbiamo la Polizia che effettua 4 (quattro) irruzioni con perquisizione senza nessun mandato giudiziario. Questi li estradiamo in blocco in Turchia, dove la Polizia può fare quello che vuole. - L'unico atto della Magistratura (l'espulsione) è firmato da un Giudice di Pace, cioè un Giudice Onorario, cioè un avvocato prestato alla Magistratura. Questo, per contrappasso, lo affidiamo ai tempi biblici della Giustizia Italiana, o Indiana, che è lo stesso.

    Report

    Rispondi

  • mab

    15 Luglio 2013 - 15:03

    In questo paesello gente del genere viene magari trasferita ma con una promozione !!! E DI ESEMPI CE NE SONO MOLTI !!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog