Cerca

esteri

Trump critica May, poi fa dietrofront

13 Luglio 2018

0
Trump critica May, poi fa dietrofront

Londra, 13 lug. (AdnKronos) - "Il rapporto è molto, molto solido. Abbiamo un'ottima relazione". Donald Trump si esprime così, davanti ai cronisti, mentre è seduto accanto alla premier britannica Theresa May. Le parole del presidente degli Stati Uniti arrivano dopo quelle affidate al tabloid The Sun in un'intervista esplosiva, in cui The Donald ha criticato la strada scelta dalla May per arrivare alla Brexit e, parallelamente, ha tessuto le lodi di Boris Johnson, che si è appena dimesso dall'incarico di ministro degli Esteri per insanabili divergenze con la premier, dicendo che sarebbe "un grande primo ministro" per la Gran Bretagna.

"Sono due giorni molto produttivi", esordisce Trump rivolgendosi ai cronisti presenti ai Chequers, la residenza di campagna dei premier britannici, e dribblando le domande che gli vengono urlate in relazione al contenuto dell'intervista. "Siamo arrivati ieri sera, abbiamo avuto una cena: non c'è stato un rapporto migliore di quello che abbiano sviluppato ieri sera. Abbiamo parlato per un'ora, un'ora e mezza. E' stato qualcosa di speciale", dice Trump, mentre May annuisce. "Oggi stiamo parlando di commercio, di forze armate. Ci siamo occupati di alcune incredibili questioni relativi all'anti-terrorismo che vengono portate avanti qui in collaborazione con gli Stati Uniti", aggiunge il presidente.

Nell'intervista al Sun, invece, Trump, oltre a elogiare Boris Johnson, attacca frontalmente la strada per la Brexit scelta dal governo di Londra, affermando che finirà per "uccidere" ogni ipotesi di accordo commerciale con Washington. "Ritengo che l'accordo che (May) vuole raggiungere non sia quello per cui ha votato il paese, non è l'accordo che c'era nel referendum", ha affermato Trump. Così com'è, ha aggiunto, l'accordo "uccide" ogni ipotesi di accordo commerciale con gli Stati Uniti.

Commentando sulla Bbc l'esplosiva intervista dal presidente americano al Sun, il "junior minister" Alan Duncan dice che Trump "non è stato rude". "Donald Trump è in vari modi un polemista, questo è il suo stile, questo è il colore che porta sulla scena mondiale", ha detto il sottosegretario agli Esteri per i rapporti con l'Europa e l'America. "In questo senso è una persona molto anti convenzionale, non penso che dobbiamo considerarlo rude".

L'ufficio di Theresa May non ha ancora commentato l'intervista di Trump, pubblicata poche ore prima del loro incontro, a cui seguirà un tè offerto questo pomeriggio dalla regina al presidente americano. L'intervista ha creato un vespaio di polemiche, con diversi laburisti che parlando di "umiliazione" nazionale e chiedono di cancellare il tè con la sovrana. Alcuni esponenti del governo hanno comunque criticato Trump. Margot James, sottosegretario alla Cultura, ha scritto su Twitter che Boris Johnson non sarebbe un buon primo ministro. "Dov'è la sua buona educazione, Presidente?", ha invece twittato il sottosegretario per l'Università, Sam Gyimah.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media