Cerca

Napolitano

Trattativa tra Stato e Mafia: se Giorgio si crede oltre la Costituzione

Il Quirinale è intervenuto nelle indagini su Stato e mafia come presidente del Csm. Ma è andato al di là del suo ruolo

Giorgio Napolitano

"Tutti conoscono o dovrebbero conoscere i nomi di quegli intellettuali, quei professori, quei giornalisti che, a partire dall’entrata in carica del Governo Monti, hanno subìto una vera e propria «mutazione genetica». Dietro teorie «neutrali» e «scientifiche», una schiera numerosissima di «chierici» difende strenuamente gli interessi politici del governo, rispetto al quale si è organicamente «allineata». Non può essere spiegato altrimenti, del resto, il silenzio terrificante che ha accompagnato l’inquietante vicenda del coinvolgimento del presidente della Repubblica nella «trattativa Stato-mafia»", racconta Paolo Becchi (Docente di Filosofia del diritto all’Università di Genova), su Libero in edicola oggi. Il punto è che il Quirinale è intervenuto nelle indagini su Stato e mafia come presidente del Csm, ma è andato al di là del suo ruolo: Napolitano si crede oltre la Costituzione.

Leggi il commento su Libero in edicola oggi, mercoledì 4 luglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lallo1045

    04 Luglio 2012 - 20:08

    Caro Napolitano(e già il nome fa pensar male per l'origine), la COSTITUZIONE è stata scritta 67 anni fa sull'onda di una guerra che TUTTI VOI avete fatto o appoggiato, forse obbligati dal regime o forse convinti della giusta causa come per le missioni di pace in particolare contro la Gheddafi(no contro la Libi), ma la storia Vi ha sempre smentito. Anche con la Rivoluzione bolscevica di Stalin e le invasioni dell'Ungheria e Cecoslovacchia e altre che Voi conoscete bene. Il problema è sempre lo stesso: QUANDI VENITE ELETTI VI SNTITE AL DI SOPRA DEGLI ELETTORI CHE, DA TENUTARI DEL POTERE SANCITO DALLA COSTITUZIONE(il potere è del popolo), Vi siete arrogati il diritto di SCHIAVIZZARE IL POPOLO per viver bene VOI. Non è questo il mandato popolare. Chi ruba o spreca denaro pubblico merita d'esser appeso per le palle ai lampioni d'illuminaziione poiché è un TRADITORE della volobntaà popolare. E tu, Napolitano coerentamente comunista per la vita dovresti ben conoscrlo!

    Report

    Rispondi

  • migpao

    04 Luglio 2012 - 19:07

    va oltre il Bosone di Higgs, la particella di Dio, è il Bosone d'Italia.

    Report

    Rispondi

  • teomondo scrofalo

    04 Luglio 2012 - 17:05

    Un ex ministro (di 20 anni e + anni fa) patteggiò leggi a favore dei mafiosi in cambio di tranquillità (e favori personali) ed è ancora in giro, libero di fare i cazzi propri e di dire tutte le stromzate che vuole. Aveva ragione Mao Zde Dong quando diceva che la rivoluzione non è una cena elegante, o una serata danzante o una festa. La rivoluzione è violenza pura. E' quella ci vuole. Il comandante del sottomarino "Ottobre Rosso" disse che una rivoluzione è salutare di tanto in tanto. Credo sia arrivato il momento che la povera gente, quella che lavora e tira la carretta di questa povera Patria affamata, vilipesa e derubata da Professori e Banchieri dalla provata disonestà si liberi di questa gentaglia, Solo toccando il fondo si può rislire. Ed il fondo, noi, povera gente, lo abbiamo t

    Report

    Rispondi

  • topogigio100

    04 Luglio 2012 - 17:05

    la colpa non e' altro ce dei giornalisti della qualita' degli zerbini di Napolitano e Monti giustamente molti giornalisti hanno fatto una mutazione genetica da quando e' andato via Berlusconi , a lui non era permesso nulla mentre a napolitano e permesso addirittura stare al di sopra la costituzione e la cosa che davver ha dell'incredibile che nessun giornale a questo cosa fa titoli a carattere cubitali chiaro non c'e' piu Berlusconi , si e' sempre saputo che per alcune lobby era meglio il diavolo che Berlusconi infatti cosi stanno andando le cose Italia allo scatafascio

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog