Cerca

Una regione da tagliare

Lombardo lascia, ma solo il 24:
"No al commissario per la Sicilia"

Il governatore si difende: "La lettera di Monti è irrituale. Forse mi dimetto domani, forse la prossima settimana. Commissariamento? Incostituzionale"
Raffaele Lombardo

Raffaele Lombardo si dimette? No, almeno non oggi. Oggi preferisce attaccare tutto e tutti, respingendo ogni accusa. Il mercoledì caldo del governatore della Sicilia, cui il premier Mario Monti ha chiesto ufficialmente le dimissioni immediate, è un susseguirsi di dichiarazioni che non placano le polemiche sulla regione "fallita" e schiacciata da un indebitamento previsto nel 2012 di 7 miliardi e con i fondi europei a rischio a causa di malagestione e sprechi assortiti. Ma la risposta di Lombardo, che aveva annunciato di lasciare ma solo ad agosto, è semplice: "Niente commissariamento". In realtà, il braccio di ferro con il governo avrà il prevedibile esito: Monti sbloccherà i 400 milioni di euro di finanziamento in cambio delle dimissioni (peraltro scontate) del governatore.

"No al commissariamento" -  "Chissà, magari mi posso dimettere anche domani (giovedì, ndr). Certo, non consentirò a nessuno che si rinviino le elezioni regionali in Sicilia, perché è giusto che si voti prima delle nazionali. Io il 24 mi presenterò dal premier Monti e gli annuncerò che mi dimetto, ma potrei averlo già fatto prima". Così, davanti ai giornalisti, il governatore allontana momentaneamente l'ipotesi di passo indietro. Ma poi parte l'affondo. Si inizia proprio con Monti, la cui lettera viene definita "irrituale, un fatto anomalo". Il commissariamento della Regione? "Non è possibile. Tanti ne parlano, ma non si può fare. Le norme dello Statuto che hanno rango costituzionale, non sono state superare dalle altre leggi costituzionali. Quindi, stiano tutti più sereni". 


"Conti a posto" - Sui conti, poi. diventa una furia. "Non è vero che la Regione è in default. E' falso è disonesto dirlo. Faccio parlare i numeri. Abbiamo un bilancio 27 miliardi, un debito di 5,5 miliardi e un Pil di 85 miliardi. Insomma un rapporto debito/Pil di circa il 6%. Lo Stato invece ha un rapporto del 120%. Chi è in default?". "Il nostro più grande debitore è lo Stato che ci deve circa un miliardo - ha aggiunto Lombardo -, poi c'è la partita dei residui attivi. Le tre agenzie di rating ci hanno attribuito un Baa2, come Milano e il Veneto. E siamo sopra al Piemonte. Non comprendo questo accanimento e non mi sorprende che non abbia avuto la solidarietà di Cota e Zaia". 

Sogno secessione - C'è sempre il Nord nel mirino di Lombardo. Il leader del Movimento per le Autonomie replica piccato al governatore della Lombardia Roberto Formigoni che lo aveva definito "lombardo solo di nome". "Io sono qui e non a fare il bagno seminudo sullo yacht degli amici nelle Antille". E al leghista Mario Borghezio: "Auspica che la Sicilia diventi una nazione autonoma? Gli rispondo che magari ci mettessero in condizioni di diventarlo. Manterremmo nella Regione risorse ingenti, almeno 10 miliardi all’anno e come Malta potrebbe abbattere la tassazione al 12-13% producendo un autentico boom economico". 

Avvertimenti inquietanti - Lombardo poi annuncia querele per Libero e il Giornale colpevoli di aver gettato discredito sulla Sicilia per aver sollevato la questione del suo malgoverno ("Ce la pagherete", ha giurato). Ma il passaggio più grave è quello che riguarda il vicepresidente di Confindustria Ivan Lo Bello, che nei giorni scorsi aveva chiesto di sfoltire sensibilimente l'organico dei dipendenti regionali. "Il mio è stato l’unico governo a non avere fatto una sola assunzione - s'infervora Lombardo -. Dipendenti e precari si sono ridotti, ma se qualcuno pensa, come sento da più parti, anche da qualche pseudo industriale, che debba licenziare questi 50 mila lavoratori o una gorssa parte, rispondo che non lo farò mai e che piuttosto vadano a morire ammazzati. Non intendo distruggere la vita di migliaia di persone". Lo Bello si è limitato a commentare con poche parole: "Si tratta di affermazioni gravi che evidenziano come il presidente si trovi in forte difficoltà psicologica". Lombardo ha provato poi a metterci la pezza: "Non mi riferivo nè a lui nè a nessun altro. Lo Bello è una persona che tutti stimiamo", ma il danno è fatto. E scatena una polemica politica che coinvolge il Partito democratico, che sostiene in Regione la maggioranza del governatore. "Cosa fa il segretario del Pd Pierluigi Bersani mentre Raffaele Lombardo minaccia Ivan Lo Bello?", si chiede il sindaco di Palermo Leoluca Orlando (Idv). Il segretario regionale dell'Udc Gianpiero D'Alia, invece, parla di "incomprensibile livore" per gli insulti di Lombardo. Un livore che non si può trincerare dietro querele.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Wotan

    23 Luglio 2012 - 13:01

    Cari amici del Nord. Non mettetevi a discutere con i siciliani, sono una banda di mafiosi e di mentecatti !Avete visto la faccia del loro Governatore ? Non riuscirete mai a trovare al Nord una tale faccia da imbecille! Avete visto come si é rinnovato il comune di Palermo ? I "sudditi" (loro non sono "cittadini" ma "sudditi") hanno votato a maggioranza il solito Leoluca Orlando Cascio, che é già stato sindaco di Palermo e ne ha già combinate più di Bertoldo ! Non c'é niente da fare : la Sicilia, come le altre regioni del Sud, sono alla "deriva nel Mediterraneo", i loro abitanti non hanno il cervello, il carattere, l'orgoglio di sollevarsi senza "aiutini" ma hanno deciso di vivere solo dei nostri di "aiutini". Per le Regioni del Nord non rimane che chiedere l'INDIPENDENZA ai sensi delle Leggi U.E. e delle disposizioni O.N.U.!

    Report

    Rispondi

  • vincenzolibero

    19 Luglio 2012 - 19:07

    Propongo di far pagare ai superstipendiati della Corte dei Conti e agli amministratori che si sono avvicendati negli ultimi venti anni

    Report

    Rispondi

  • teomondo scrofalo

    19 Luglio 2012 - 19:07

    Carissimo pirla, non confondere le figure che fai tu appena apri bocca con la cortesia a chi si dimostra educato. Tu non lo sei, ma la colpa non è tua. Se avessi conosciuto i tuoi genitori avresticompreso cosa è l'educazione. Ma non lo hai potuto comprendere. Per il ritratto, mi dispiace, ma continui a non capire. Il tuo partitino ormai è alla disperazione e le fila di chi trova nei miei ritratti un poco di linemanto al proprio dolore è in costante aumento. I pirla vengono alla fine. Ma anche tra i pirla c'è chi merita più di altri. Tu sei il re dei pirla e i primi saranno gli ultimi. Non disperare, ti farò un lavoretto coi fiocchi. Ma dopo le elezioni. Ciao, pirlone.

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    19 Luglio 2012 - 18:06

    E' inutile che citi i dati dei telegiornali o dei giornali che solo tu leggi,bisogna andare a leggere i cognomi e la provenienza di molti di quelli che citi come esempio negativo del nord!In Veneto ci sono quasi 6 milioni di abitanti,il 20%è di origine meridionale,un assessore di Noventa Vicentina,3 mesi fa è stato arrestato per favoreggiamento in una asta pubblica,aveva favorito suo cognato che ha sposato la sorella!Il cognato ha una ditta di costruzioni edili,originario della provincia di Napoli,come la moglie,come il cognato assessore!Adesso prenditi la briga e informati sulla provenienza di molti dei falsi poveri veneti,o dei molti commercianti di Milano,avrai una brutta sorpresa!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog