Cerca

Genitori moderni

Il figlio in gonna, il papà lo segue: ecco come confondergli le idee

In Germania il bambino preferisce indossare abiti da donna e il padre lo imita: "Voglio insegnarli l'uguaglianza di genere"

Il piccolo ha 5 anni, ma il padre non si scompone: a passeggio per la cittadina in gonna rossa, per rompere gli schemi...
Il figlio in gonna, il papà lo segue: ecco come confondergli le idee

di Alessandro Dell’Orto

Quando il figlio di 5 anni è tornato a casa dall’asilo e ha iniziato a guardare con aria incuriosita la gonna della mamma, Nils Pickert, anziché reagire come Vito Catozzo - il meraviglioso poliziotto interpretato da Giorgio Faletti nel programma Drive In («Se io saprei che mio figlio mi diventerebbe  un orecchione, porco il mondo cane che c’ho sotto i piedi, vivo me lo mangio, vivo me lo mangio») - non si è per nulla allarmato. No. Ha lasciato fare perché bisogna essere genitori moderni e dalla mentalità aperta e poi basta con tutte queste costrizioni che limitano la crescita dei bambini e non è giusto frenare i desideri dei piccoli che poi rischiamo di trovarceli aggressivi quando crescono e bla bla bla. Sarà... 

La cosa buffa, però, è che Nils Pickert non si è allarmato minimamente nemmeno qualche tempo dopo, quando il piccolo è passato dagli sguardi ai fatti e ha deciso che da quel momento si sarebbe vestito solo con indumenti femminili. Da donna. Sarà... Ma occhio a dare giudizi frettolosi e iniziare dibattiti, c’è dell’altro. Nils Pickert è andato oltre, al di là. Sapete che ha fatto? Per assecondare il bimbo che ormai indossava soltanto un vestitino rosso, si è scelto una abbondante gonna - rossa pure lei - di quelle con l’estatico che arriva fin sotto il ginocchio e se l’è infilata. Poi ha preso il figlio per mano e ha iniziato a passeggiare per le vie della città in cui vive, vicino a Berlino. Fregandosene di tutto e tutti e anzi attirando volentieri l’attenzione verso di sè e facendosi fotografare. Per rompere gli schemi tradizionali, per abbattere stereotipi socio-culturali e altre cose così, che fa fico dirle ma in realtà spesso non si sa nemmeno cosa siano.

Leggi l'articolo integrale di Alessandro Dell'Orto
su Libero in edicola oggi, giovedì 30 agosto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elenasofia

    elenasofia

    03 Settembre 2012 - 18:06

    I guerrieri romani e quelli scozzesi portavano la gonna. Avete mai pensato che le donne hanno una grandissima libertà nel vestirsi (gonne corte o lunghe, pantaloni) e gli uomini invece no?

    Report

    Rispondi

  • graziella

    01 Settembre 2012 - 17:05

    Se il bambino tornava e voleva girare senza mutande, vorrei sperare che qualcuno fosse intervenuto!!!

    Report

    Rispondi

  • nero60

    31 Agosto 2012 - 14:02

    che schifo e non aggiungo altro

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    30 Agosto 2012 - 17:05

    alessandro dell'orto , mi scusi , ponimo che fra 15 anni si debba andare in guerra contro i musulmani , cosa molto probabile , chi mandiamo a combattere i figli di quel padre che diranno " non farmi male " o manderemo uomini con le palle ? @bolinastretta hai ragione la maglietta stona . ciao

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog